Sono 250.000 i dollari (circa 215.000 euro) sborsati all’asta da un appassionato per portarsi a casa la storica coupé bavarese

Avete circa 215.000 euro di budget per comprarvi un’auto sportiva. Come li spendereste? Per una BMW M8 Coupé super (ma proprio super) accessoriata? Oppure, volendo esagerare, un paio di BMW M4 anche loro con ogni optional possibile e immaginabile?

Un anonimo appassionato non c’erano dubbi: meglio spenderli per una BMW M3 E30 del 1988, la capostipite di una dinastia di berline e coupé sportive, con le nuove generazioni (M3 ed M4) ormai prossime al debutto. E non si tratta di una M3 E30 qualsiasi, ma di una versione su cui i 32 anni passati dalla nascita non hanno lasciato praticamente segno.

Prima e unica

Mossa da un aspirato di 2,3 litri da 200 CV, la BMW M3 E30 venne presentata nel 1986 a seguito della voglia da parte della Casa bavarese di creare altre sportive che potessero seguire la strada di CSL ed M1. Così si guardo alla Serie dell’epoca, trasformandola esteticamente e meccanicamente.

1988 BMW M3 venduta all'asta
1988 BMW M3 venduta all'asta

Un’auto vittoriosa in pista e aggiornata negli anni, per arrivare a 215 CV prima e 220 CV poi, per toccare i 238 CV della Sport Evolution. Indimenticabile e indimenticata. Tutta la sua storia ve la racconta Andrea nel video che trovate qui sotto.

Quasi nuova

Secondo le informazioni non confermate la M3 in questione venne acquistata da un automobilista californiano e con lui è rimasta per anni, gelosamente conservata in garage. Garage dove è stata tenuta anche dai familiari del primo proprietario e usata per brevissimi e sporadici spostamenti. Dalla California la coupé sportiva bavarese si è poi trasferita in Missouri, per poi finire all’asta con appena 8.000 km all’attivo.

1988 BMW M3 venduta all'asta
1988 BMW M3 venduta all'asta

È forse inutile sottolineare come le condizioni della BMW M3 E30 siano praticamente perfette: date un’occhiata alle foto. Carrozzeria, paraurti ma anche sospensioni e sottoscocca sembrano appena uscite dalla fabbrica. Anche abitacolo e motore sono immacolati e tenuti con una cura maniacale. Ah, naturalmente prima di essere messa all’asta è stata revisionata completamente, con cambio cinghie, regolazione di una valvola e della distribuzione.

Il prezzo giusto?

I 250.000 dollari spesi all’asta per la BMW E30 che ammirate in foto rappresentano una cifra record per il modello e potrebbero far impennare improvvisamente le valutazioni delle altre circa 17.000 M3 E30 prodotte.

1988 BMW M3 venduta all'asta
1988 BMW M3 venduta all'asta

E voi cosa avreste fatto? Vi sareste lasciati ipnotizzare dal fascino senza tempo di questa coupé, oppure avreste fatto un bonifico a un concessionario BMW, portandovi a casa una decisamente più esagerata (ma nettamente meno analogica) BMW M8?

Fotogallery: BMM M3 E30, il modello venduto all'asta a 215.000 euro