Il Gruppo Mercedes si prepara all'offensiva elettrica. Partendo dal presupposto che attualmente la gamma si divide tra due modelli a marchio della Stella, la EQC e la EQV, a cui si sommano le tre declinazioni di smart: Fortwo, Fortwo Cabrio e Forfour. Una famiglia che da qui al 2022 si andrà ad arricchire di ben sei modelli completamente inediti.

Dalle grandi alle piccole

Sul fronte smart non si segnalano particolari novità, se non per il fatto che la prossima generazione verrà prodotta in Cina, dalla joint venture smart Automobile Co., Ltd.. Più dettagliato invece il piano Mercedes, che vede il debutto di ben sei nuovi veicoli da qui al 2022. Tra i più attesi ci sono certamente EQA ed EQB. Ovvero due SUV di taglia compatta operanti nel segmento proprio di Classe A e Classe B.

Fotogallery: Mercedes EQ, i modelli in arrivo

Diversa invece la questione riservata a EQS, la prima ammiraglia 100% elettrica di Stoccarda, derivata dalla concept Vision EQS, e che dovrebbe garantire oltre 700 km di autonomia. In tema di ammiraglie entro il 2022 farà il suo esordio anche la Mercedes EQE.

A chiudere la sequenza di novità elettriche targate Mercedes ci saranno pure le varianti Suv nate dell'esperienza sia di EQS che di EQE.

Produzione localizzata

Componente fondamentale di questa azione che mira non solo ad un passaggio (quasi) totale all'elettrificazione (ed in particolare all'elettrico), ma pure ad un abbattimento delle emissioni nocive già a partire dai siti produttivi, è la logistica.

Di fatto a seconda del mercato e del continente di riferimento, Mercedes ha il proprio stabilimento dedicato (anche più di uno). Fabbriche in cui è possibile produrre in parallelo veicoli con diversi tipi di propulsione grazie a strutture altamente flessibili.

A titolo d'esempio la produzione di EQB che verrà lanciata nel 2021. Produzione che avrà luogo in due sedi della rete Mercedes: nello stabilimento ungherese di Kecskemét per il mercato mondiale e nella joint venture tedesco-cinese BBAC a Pechino per il mercato locale.

Batterie home made

Gli accumulatori destinati ai veicoli elettrici Mercedes-EQ sono forniti da una rete globale di produzione di batterie, fatta di stabilimenti in tre continenti. La produzione locale di batterie è un fattore chiave per l'offensiva elettrica Mercedes.

Ad esempio due siti produttivi a Kamenz (Germania) producono sistemi di batterie per modelli ibridi, ibridi plug-in e veicoli elettrici dal 2012. La seconda fabbrica di batterie nel sito è entrata in funzione nel 2018 e produce i sistemi di batterie destinati alla EQC dal 2019.

Dall'inizio della produzione nello stabilimento di Kamenz sono state prodotte più di un milione di batterie basate sulla tecnologia agli ioni di litio per veicoli elettrici, ibridi plug-in e sistemi a 48 volt.

In Cina ci pensa invece la partnership di Mercedes e BAIC a soddisfare la domanda cinese e non solo. È infatti stata avviata la produzione locale di batterie nella sede del parco industriale di Yizhuang a Pechino (Cina).

La produzione di sistemi di batterie per la EQC è iniziata 2019. Con l'inizio della produzione di EQA, EQB ed EQE, l'impianto produrrà sistemi di batterie per un totale di quattro modelli EQ Mercedes-Benz a partire dal 2021.