Se è vero che il settore dei SUV è sempre più affollato e quello dei compatti in modo particolare, va detto che modelli in variante "lunga" con abitabilità per 7 entro i 4,7 metri non ce ne sono poi moltissimi. In parte di deve a questo il buon successo di Volkswagen Tiguan Allspace, introdotta nel 2017 con Tiguan seconda generazione e divenuta la variante più apprezzata su diversi mercati con 1,5 milioni di unità prodotti in meno di 4 anni.

Il restyling di metà carriera, che la Casa ha presentato in estate, propone a grandi linee gli stessi aggiornamenti arrivati su Tiguan nel 2020, concentrati sulla tecnologia "utile" e dunque sull'infotainment, sulla sicurezza attiva e sull'aggiornamento dei motori. Inclusi i turbodiesel, che per ora restano al loro posto, mentre resta escluso l'ibrido che per Allspace tuttora non è previsto.

Luce nuova

Le misure sono rimaste le stesse, soltanto la lunghezza (4,72 metri) è leggermente aumentata, appena 22 millimetri in più per effetto del frontale e del paraurti ridisegnati. La novità principale però non è tanto nel disegno quanto nell'illuminazione, con fari a matrice di LED IQ.Light a 24 diodi in cui ora sono integrati anche i fendinebbia e le luci diurne, di serie. A LED anche i gruppi ottici posteriori ridisegnati e dotati, sull'allestimento più ricco, di effetto scorrimento dell'indicatore di direzione.

Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)
Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)
Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)

Sulla calandra, insieme al nuovo logo a due dimensioni, è spuntato anche un listello luminoso, mentre la scelta di colori si è arricchita co i nuovi Oryx White e Kings Red. Nuovi, infine, anche i cerchi in lega "Frankfurt" da 18".

Interni, anche il clima diventa "touch"

L'abitacolo non cambia impostazione: il sedile posteriore è frazionato in tre parti, che permettono di gestire lo spazio con grande flessibilità, e naturalmente c'è la terza fila a scomparsa nel pavimento. In questo caso, la capienza del bagagliaio va da 700 a 1.755 litri (con ultima fila ripiegata), mentre in assenza dell'opzione 7 posti il vano di carico sale a 760 litri e il volume massimo sfruttabile a 1.920 litri.

Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)
Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)
Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)

Ergonomia miglirata

La novità maggiore portata dal restyling è però nei comandi, in particolar modo quelli del climatizzatore, che restano separati dal sistema multimediale centrale, ma si digitalizzano, diventando tasti e cursori "virtuali" su un display dedicato al centro della consolle.

La connettività è affidata alla piattaforma MIB di terza generazione dotata di unità di gestione (OCU) con eSIM integrata per accedere in modo illimitato ai servizi online di We Connect e We Connect Plus (questa gratuita per un periodo variabile da Paese a Paese).

Sono inoltre arrivati comandi vocali di nuova generazione capaci di comprendere un linguaggio informale,  accesso a vari servizi di streaming e compatibilità con le piattaforme Apple CarPlay e Android Auto che ora non necessitano più di collegamento via cavo.

Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)

Allestimenti e sicurezza

Il listino è organizzato su tre livelli di equipaggiamento chiamati Life, Elegance ed R-Line, gli ultimi due alternativi tra loro con un tono più confortevole per il primo e più sportivo per il secondo.

Le dotazioni prevedono sin dal livello Life la presenza di serie di frenata automatica d'emergenza Front Assist, gestione attiva degli abbaglianti e un display multimediale da 8" (10,5" quello nel quadro strumenti) e cruise control attivo ACC con mantenimento della distanza.

Quest'ultimo è dotato anche di funzione predittiva, che grazie alla telecamera frontale e alle informazioni ricavate dal navigatore con GPS (se presente) può regolare la velocità secondo i limiti e l'andamento della strada, ad esempio rallentando in vista di una curva anche senza veicoli che precedono. 

Non manca un sistema di guida autonoma di Livello 2, qui chiamato Travel Assist, che combina l'azione dell'ACC con il monitoraggio attivo delle linee di corsia e la correzione dello sterzo. Con il cambio manuale funziona da un minimo di 30 km/h a 210 km/h, mentre con il cambio DSG è attivo anche a velocità inferiori.

Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)
Volkswagen Tiguan Allspace restyling (2021)

Motori, doppia iniezione di urea per i TDI

La gamma propulsori per ora rinvia decisamente l'abbandono del gasolio e adotta, al contrario, sui 2.0 TDI la più recente tecnologia SCR "twin dosing", per abbattere le emissioni di NOx. Questa prevede due distinti filtri montati in serie ciascuno con uno specifico iniettore di urea posizionato di fronte al filtro stesso. Inoltre, la versione da 190 CV che affiancava già in precedenza quella da 150 è stata potenziata a 200 CV.

L'offerta generale si completa con i benzina 1.5 da 150 CV, dotato di disconnessione attiva dei cilindri ACT, e dei 2.0 TSI da 190 e 245 CV (non previsti in Italia al momento). Il listino italiano prevede il cambio DSG di serie su tutta la gamma, anche se altrove i modelli base partono con il cambio manuale, mentre la trazione integrale 4Motion è opzionale sul TDI da 150 CV e di serie sul 200 CV che è l'unico abbinabile anche all'allestimento sportivo R-line.

Tiguan Allspace, gamma e prezzi per l'Italia

  Life Elegance R-Line
1.5 TSI ACT 150 CV DSG 7 40.200 43.200 -
2.0 TDI 150 CV DSG 7 42.200 45.200 -
2.0 TDI 150 CV DSG 7 4Motion 45.100 48.100 -
2.0 TDI 200 CV DSG 7 4Motion - 49.700 50.500

Fotogallery: Foto - Volkswagen Tiguan Allspace restyling 2021