Futuro sì, ma più prossimo di quanto immaginiamo. Una delle forme di mobilità alternativa e sostenibile più gettonate del momento riguarda sicuramente gli eVTOL, velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticale che, nei prossimi anni, potrebbero trovare numerose applicazioni nelle grandi città.

Le aziende cinesi sono attivissime nel settore e l'ultima novità è rappresentata dall'aerotaxi "Prosperity I" di AutoFlight (che sta portando avanti anche lo sviluppo di droni cargo privi di pilota a bordo) che, secondo la società, sarebbe pronto al trasporto passeggeri già dal 2025.

Il centro di ricerca e sviluppo è in Germania

AutoFlight ha stabilito la propria sede europea in Germania, all'interno dell'aeroporto di Augusta, dove è già in costruzione un centro di ricerca e sviluppo. Qui, un team di ingegneri guidato dall'ex manager di Airbus, Mark R. Henning, lavorerà per far ottenere all'aerotaxi "Prosperity I" la certificazione dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) a poter volare entro il 2025.

"Concentreremo i nostri sforzi su Augusta, un polo high-tech i grado di fornire posti di lavoro e all'avanguardia nella costruzione di droni e di velivoli completamente nuovi come gli aerotaxi" ha confermato Henning

Quello di Augusta, però, non sarà l'unico hub AutoFlight in Europa, con la Società che è già alla ricerca di altre località in posizioni strategiche. 

Un velivolo elettrico con 250 km di autonomia

Prosperity I è un velivolo a decollo e atterraggio verticale con un'autonomia di circa 250 chilometri, che svolgerà la funzione di aerotaxi ospitando in contemporanea fino a tre passeggeri oltre al pilota.

Per chi non la conoscesse, AutoFlight è stata una delle prime aziende cinesi a specializzarsi in eVTOL a guida autonoma facendo prima esperienza su droni da carico e, in generale, aerei senza pilota. Ha completato più di 10.000 decolli e atterraggi in condizioni meteorologiche avverse e, tra poche settimane, mostrerà al pubblico i progressi ottenuti negli ultimi mesi in una speciale sessione di test.

Fotogallery: Lo studio di Porsche sui taxi volanti