La Peugeot 308 è una compatta conosciuta e affermata nel suo segmento da diversi anni. L’introduzione della motorizzazione ibrida plug in e, in futuro, dell’elettrica contribuiranno all’evoluzione di uno dei modelli più diffusi in tutta Europa.

Un passaggio importante verso il modello che conosciamo oggi è avvenuto oltre 20 anni fa, quando il Leone presentò la Prométhée, una concept car che anticipò l’erede della 306, ossia la 307.

Un po’ compatta, un po’ monovolume

Mostrata per la prima volta al Salone di Parigi del 2000, la Peugeot Prométhée fu una di “show car”, ossia una sorta di vetrina sul futuro design dei modelli del Leone.

Peugeot Prométhée Concept (2000)

La carrozzeria metteva insieme gli stili di una vettura compatta e di una monovolume/crossover con un mix di soluzioni unico come il parabrezza che si allungava quasi fino al centro del tetto e pannelli laterali ispirati alla Peugeot 402 “Canadienne”.

Peugeot Prométhée Concept (2000)

La Prométhée aveva due portiere dal lato dei passeggeri e una sola dal guidatore a scorrimento (una soluzione adottata anche dalla poco fortunata 1007), tutte ad apertura elettronica da remoto. Il posteriore era dominato da un ampio lunotto, mentre il frontale proponeva uno stile più convenzionale, tanto che, di fatto, fu l’unica soluzione estetica confermata nella 307 di serie.

Tecnologia d’altri tempi

L’abitacolo della Peugeot era di dimensioni generose e poteva ospitare quattro adulti. La plancia aveva un quadro strumenti analogico e lo schermo a colori di uno dei primi sistemi d’infotainment.

Naturalmente, di controlli touch non c’era ancora traccia, ma la dotazione era piuttosto completa e comprendeva anche il lettore CD, il climatizzatore automatico e ben due schermi installati sui poggiatesta per dare la possibilità ai passeggeri posteriori di vedere i propri DVD preferiti.

Peugeot Prométhée Concept (2000)

Sotto al cofano della Prométhée c’era un 2 litri 4 cilindri HDi diesel con filtro antiparticolato in grado di erogare circa 90 CV. La potenza era più che sufficiente per muovere una carrozzeria complessivamente leggera e compatta: la Prométhée, infatti, pesava meno di 900 kg ed era lunga 4,18 metri.

Ricordiamo, invece, che la 308 attuale è lunga 4,37 metri e pesa circa 1,4 tonnellate. Ma può contare su un posto a sedere in più, diversi sistemi di assistenza alla guida e meccanica ed elettronica più sofisticate.

Fotogallery: Foto - Peugeot Prométhée Concept (2000)