Mentre la maggior parte degli analisti e dei consumatori si arrovella intorno al passaggio dalle auto con motore a combustione interna a quelle elettriche, c'è un altro lato della storia che è abbastanza sconosciuto. Le auto a idrogeno hanno infatti registrato l'anno scorso cifre molto modeste, ma piuttosto interessanti.

I dati raccolti da JATO Dynamics indicano che le vendite globali delle auto alimentate a idrogeno sono state pari a 15.500 unità in tutto il mondo nel 2021. Anche se è molto piccola rispetto alle immatricolazioni di veicoli con altri tipi di carburante, la domanda è aumentata dell'84% rispetto al 2020, quando 8.400 unità hanno trovato un nuovo cliente. Ciò che è ancora più impressionante è l'aumento rispetto ai livelli pre-pandemici: +103%.

L'altra faccia dell'elettrificazione: auto a idrogeno +84% nel 2021

Segmento di nicchia, ma per quanto tempo?

È estremamente raro vedere un'auto a idrogeno per le strade. Dal 2011, sui mercati globali ne sono state vendute circa 41.700 unità, che corrispondono alla stessa quantità di auto vendute in Cina dal gruppo Volkswagen in soli 4 giorni. Il loro prezzo elevato e, soprattutto, la mancanza di infrastrutture rappresentano la ragione principale di questi numeri bassi. Oltre alle pochissime scelte di modelli per ora offerti dalle Case.

Infatti, il 98% del volume realizzato dalle auto a idrogeno lo scorso anno corrispondeva a  due soli modelli: la Hyundai Nexo e la Toyota Mirai. Il resto proveniva dalle ultime unità vendute dalla Honda Clarity e da pochissime vetture di prova di marche come Renault, Maxus, BMW e Peugeot.

Tuttavia, i piani sono totalmente opposti ai volumi attuali. Dopo l'introduzione della seconda generazione della Toyota Mirai nel 2020-2021, altre case automobilistiche come BMW o Volkswagen Group stanno sviluppando veicoli alimentati a idrogeno insieme a una serie di nuove auto elettriche.

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

Per esempio, BMW sta progettando di produrre quest'anno 100 unità di test della X5 a idrogeno. La coreana Kia ha annunciato che mira ad avere una gamma fuel cell nel 2028. Il gruppo Volkswagen sta condensando tutta la ricerca e lo sviluppo nel suo marchio premium Audi, che ha già più di 100 persone al lavoro sull'idrogeno. Anche Daimler e Volvo Trucks puntano su questa tecnologia per i loro autocarri.

La Corea è di gran lunga in testa

Fino a quando queste auto annunciate non prenderanno vita, la realtà mostra che la Corea del Sud è di gran lunga il più grande mercato di auto a idrogeno. Le cifre per il 2021 mettono questa nazione asiatica davanti ad altre grandi come Usa e Cina.

L'altra faccia dell'elettrificazione: auto a idrogeno +84% nel 2021

Grazie alla posizione dominante di Hyundai e all'espansione delle infrastrutture, la Corea ha rappresentato il 55% del volume globale. Le vendite sono passate da quasi 5.800 unità nel 2020 a un po' più di 8.500 unità l'anno scorso. In tutti i casi si è trattato della Hyundai Nexo, l'auto a idrogeno più venduta al mondo. Anche se il 92% delle delle consegne Nexo ha avuto luogo nel Paese di origine, il totale globale ha raggiunto quota 9.208 unità.

L'altra faccia dell'elettrificazione: auto a idrogeno +84% nel 2021

La Nexo, andata in vendita nel 2018, era davanti alla Toyota Mirai, che ha lanciato la sua seconda generazione nel 2019, realizzando così, lo scorso anno, un aumento delle consegne pari al 257% rispetto al 2020. A differenza del forte peso delle vendite nazionali della Nexo, il mercato principale della Mirai nel 2021 sono stati gli Usa con 2.629 unità, seguiti dal Giappone con 2.438 unità e dall'Europa con 730 veicoli.

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.