Quando si parla di auto full hybrid si pensa a un comparto elettrico tutto sommato piccolo, capace sì di far risparmiare in termini di consumi ed emissioni, ma che lascia al motore endotermico la parte di protagonista del movimento. Un conto però sono le convinzioni, un altro le verifiche tecniche. Come quelle svolte da una ricerca del CARE (Centro di Ricerca sull’Auto e la sua Evoluzione) della Università Marconi, in collaborazione con l’Università di Firenze e l’Enea..

Ricerca per verificare come stiano realmente le cose, attraverso una ricerca impegnativa e rigorosa dal punto di vista del metodo scientifico e della solidità statistica dei risultati, svolta attraverso l'utilizzo di 5 Toyota Yaris guidate da 30 automobilisti per un tempo di 90 minuti su un percorso di 38 km, dipanato lungo strade urbane ed extraurbane.

"L'obiettivo è quello, nelle nostre ricerche, di andare a individuare quello che succede su strada nella realtà" ha raccontato Fabio Orecchini, professore universitario e Direttore del CARe "E nella realtà ci sono persone che hanno già guidato e non hanno già guidato l'ibrido. Ci sono persone più giovani e meno giovani, di entrambi i generi, e noi in questo modo abbiamo anche ricostruito questo campione che è stato anche molto numeroso, perché parliamo di 30 guidatori che sono stati messi a fare queste prove".

I risultati

Lo studio, presentato agli Electric Days 2022, ha messo in luce come le auto full hybrid abbiano ormai raggiunto un altissimo livello di efficienza, con risultati per certi versi sorprendenti.

Test Toyota Yaris

Le Toyota Yaris, mosse dal sistema ibrido di quarta generazione del colosso giapponese, hanno infatti passato il 78% del tempo in modalità emissioni zero, l'82,6% in ambiente urbano e il 75,7% lungo i tratti extraurbani. Parlando di percorrenza invece la piccola di Toyota ha tenuto spento il 1.5 benzina per il 66,3% dei chilometri percorsi, toccando punte di 76,1% lungo i percorsi urbani.

Calcolo Urbano Extra urbano Totale
% tempo MCI spento 82,6% 75,7% 78%
% spazio MCI spento 76,1% 64,5% 66,3%

"Per Toyota questo studio ha una rilevanza enorme perché sostanzialmente conferma quella che era la nostra ambizione, nel momento in cui è stato sviluppato questo tipo di tecnologia - che ormai esiste da diversi anni - e che però è andata di volta in volta migliorandosi, quindi i risultati cui fa riferimento questo studio sono relativi alla quarta generazione della motorizzazione ibrida Toyota, che è riuscita a realizzare un livello altissimo in termini di efficienze e di prestazioni" ha commentato Luigi Ksawerry Lucà, amministratore delegato Toyota Motor Italia.

Test Toyota Yaris

Verso nuove strade

I risultati  che potete vedere nel video che trovate in cima all'articolo, mettono in luce i grandi passi avanti fatti dall'industria e da Toyota in particolare, a rappresentare non un "tampone" in attesa del 100% elettrico, ma un ponte solido da attraversare, con benefici sia in termini di emissioni sia dal punto di vista di portafogli. Viaggiare col motore a combustione spento significa infatti ridurre i pieni di carburante, liberandosi anche dalla ricarica alla spina.

Il tutto con un powertrain che riesce a rimanere comunque compatto, anche a livello di accumulatori, come spiegato dal professor Orecchini "Stiamo parlando di automobili ad alta elettrificazione, con una batteria però tutto sommato limitata da un punto di vista di capacità. Vediamo che nei test il funzionamento in elettrico va molto oltre quelle che sono le aspettative del comune guidatore".

Test Toyota Yaris
Test Toyota Yaris

Ma in che modo la Yaris riesce a funzionare così tanto in elettrico? "La modalità in cui entra l'elettrico è particolare, non è continuativa, non ci sono delle grandissime autonomie in elettrico, ma c'è un ingresso continuo dell'elettrico che si vede specialmente nei percorsi urbani. Nel test 3/4 dello spazio sono stati percorsi con la motorizzazione elettrica o senza nessuna motorizzazione".

Ma in che senso nessuna motorizzazione? "Questa è l'altra cosa che bisogna capire di quando un'automobile ibrida e anche un'auto elettrica vanno in elettrico. In realtà molto spesso non c'è proprio coppia applicata alle ruote, ma va in quello che noi chiamiamo inerziale. Sfrutta molto bene il fatto che si stia già muovendo".

Test Toyota Yaris

Elettrico che rappresenta presente e soprattutto futuro della mobilità, sfaccettature della stessa medaglia che vedono Toyota impegnata a offrire soluzioni differenti per differenti tipologie di automobilisti, come sottolineato da Ksawerry Lucà: "Il full hybrid si inserisce per noi però in un approccio multi tecnologico, nel senso che è una delle soluzioni che proponiamo. Noi proponiamo delle soluzioni a bassissime emissioni, che sono quelle del full hybrid e del plug-in, e delle soluzioni a emissioni zero, che sono quelle dell'elettrico a batteria e quella delle celle a combustibile".

Test Toyota Yaris
Test Toyota Yaris

Per Toyota però il full hybrid rimane centrale anche perché, come evidenziato dalla ricerca, è una tecnologia che impatta positivamente e in maniera massiccia sulla riduzione delle emissioni "Il nostro focus in questo momento è sul full hybrid, essendo quella che nell'immediato e nei prossimi anni riteniamo sia la soluzione più idonea per il mercato, per poter ridurre in maniera significativa le emissioni e permettere al cliente, dall'altro lato, di beneficiare di alcuni vantaggi molto importanti al di là dei semplici consumi ridotti".

Fotogallery: Foto - Quanto elettrico c'è in un'auto full hybrid? La ricerca