Con la sostenibilità ormai diventata una necessità e un obiettivo primario, l'industria automobilistica è costretta per la prima volta a passare dalla corsa sfrenata alla crescita dei decenni scorsi a un ridimensionamento ragionato.

Per molti la strada è produrre di meno, ma migliorare la redditività, per compensare gli enormi investimenti nella transizione elettrica e quelli per la lotta alle emissioni e la nuova etica industriale. Non tutti, però, hanno rinunciato alla prospettiva di conquistare le vette del mercato: per Skoda, ad esempio, la leadership è ancora un traguardo compatibile con le altre priorità di oggi.

La conferma del piano Next Level

Nel 2021, la Casa Ceca ha annunciato il suo manifesto programmatico con la Next Level - Skoda Strategy 2030, che includeva una precisa roadmap per accelerare la diffusione della mobilità elettrica, ma con una gestione sostenibile di tutto il ciclo vita, impegni nella ricerca di riciclabili e del riutilizzo delle batterie.

topic-carbon-zero

Vedi tutte le notizie su Carbon Zero

Lo stesso piano puntava però, e punta ancora, a far crescere la presenza del marchio fino a farlo diventare uno dei primi cinque al mondo entro il 2030, lo stesso anno in cui sono fissati traguardi-chiave, come il raggiungimento della neutralità nelle emissioni delle attività non soltanto produttive ma dell'intera catena di valore.

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

Il tutto partecipando attivamente agli obiettivi dell'intero Gruppo Volkswagen, che ha raggiunto per primo i requisiti di rendicontazione del Piano d’Azione per la Finanza Sostenibile dell’Unione Europea e della Tassonomia UE.

Ma come si può riuscire a crescere diventando e rimanendo sostenibili? Ecco i pilastri della strategia di Skoda nel medio e breve periodo.

Skoda Enyaq Coupé IV del 2022

Skoda Enyaq Coupé IV

Skoda Vision 7S

Skoda Vision 7S

Espansione della mobilità elettrica

I tre nuovi modelli elettrici precedentemente annunciati per il 2030 arriveranno in realtà entro il 2026 e saranno seguiti da altre novità: entro la fine del decennio, Skoda mira a rendere elettrico tra il 50% e il 70% del suo parco circolante europeo e a conquistare mercati emergenti strategici, tra cui l'India, il Nordafrica e anche la Russia, malgrado il conflitto con l'Ucraina al momento renda più difficile pronosticare l'evoluzione dello scenario.

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

Fabbriche a bilancio neutro

Con le emissioni medie della flotta veicoli, che secondo la Casa saranno ridotte di almeno il 50%, sempre per il 2030 rispetto al 2020, l'altro grande traguardo coinvolge la produzione, su cui in realtà i progressi sono già ora incoraggianti.

L'uso di energie rinnovabili in aumento, la compensazione della CO2 con iniziative ambientali e l'adozione di tecnologie per aumentare l'efficienza dei processi tagliano dal bilancio ecologico della Casa importanti percentuali di anidride carbonica anno-su-anno.

Entro il 2030 si prevede che questo arriverà allo zero per ciascuno dei tre stabilimenti europei principali (Mlada Boleslav, Kvasiny e Bratislava), seguendo l'esempio della fabbrica di trasmissioni di Vrchlabi, già "carbon neutral" dal 2020, mentre per gli impianti in India ci si arriverà già nel 2025.

Veicoli a zero emissioni

Le energie rinnovabili non sono soltanto quelle consumate e richieste ai fornitori, ma anche autoprodotte con impianti fotovoltaici e la realizzazione di parchi eolici, come quello di Moravice-Melč, nella parte orientale della Repubblica Ceca. 

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

In questo modo, la Casa intende arrivare a coprire anche l'energia consumata dai propri veicoli nel loro utilizzo, in modo da dare la garanzia certificata che ciascuna vettura sarà davvero a zero emissioni da quando viene prodotta a quando viene rottamata.

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità
Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

L'economia circolare dei materiali

Restando in tema di produzione, sulle vetture Skoda è in graduale aumento l'uso di materiali naturali, riciclati e riciclabili, che vanno dai metalli, come l'alluminio, al vetro, passando per la plastica, come il nylon ricavato da bottiglie usate con cui sono rivestiti i sedili con della Enyaq

Le fibre vegetali, in particolare, hanno ottime prospettive future in materiali compositi a base di barbabietola o canna da zucchero, riso, canapa, sughero e cocco.

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

La seconda vita delle batterie

Fondamentale è poi il piano di riutilizzo a lungo temine delle batterie, che prevede il loro impiego nelle stazioni di accumulo, destinate a moltiplicarsi con la creazione dell'ecosistema elettrico alla base della mobilità del futuro.

Le centrali di stoccaggio energetico - destinate a sostenere la rete nei momenti di maggior richiesta - saranno costruite e fatte funzionare con le batterie usate, ma ad almeno il 70% della capacità originale, prima di essere avviate al riciclaggio vero e proprio.

Skoda Next Level 2030, la strategia di sostenibilità

Formazione della rete e pensiero "green"

Per rendere davvero sostenibile l'intera filiera occorre che ogni singolo elemento della rete collabori con buone pratiche: questo si ottiene con la formazione del personale di fabbrica, dei fornitori e via via fino ai venditori, arrivando a suggerire di offrire biciclette anziché auto come veicoli sostitutivi per i Clienti durante la manutenzione.