Le sfide che l’Europa deve affrontare con la guerra in Ucraina, a cominciare dalla crisi energetica, ma non solo. Anche l’auto è protagonista dell’incontro a Parigi fra Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del Made in Italy, e Bruno Le Maire, responsabile francese dell’Economia.

“Abbiamo avuto un lungo, cordiale e, nel contempo, franco e concreto colloquio”, sono le parole che il titolare del Mimit pronuncia dopo il faccia a faccia con il collega transalpino. Ma cosa si sono detti i due a proposito delle quattro ruote?

Sulla buona strada

Urso è in realtà di poche parole e si limita a riferire che, al centro dei discorsi, sono finiti “grandi dossier su cui si misura la partnership italo-francese, come automotive, energia, siderurgia” e non solo. Evidente il riferimento a Stellantis. Ma nessun altro dettaglio, né dalla bocca del ministro, né dalle comunicazioni ufficiali del dicastero.

Jeep Compass, la linea di montaggio a Melfi

Parlando però più genericamente, il capo del Mimit ricorda che “la partnership industriale è il futuro dell’Europa”. Un ruolo importante spetterà poi alla Germania, che verrà coinvolta a proposito di autonomia strategica in Difesa, Energia e Digitale, per una collaborazione trilaterale a incontri costanti.

Fare squadra

Leggendo le frasi di Urso, non si può escludere che fra i temi sul tavolo sia finito anche il protezionismo dell’auto elettrica Ue, argomento tanto a cuore a Parigi e Berlino. È stata infatti la Francia a partorire l’idea di rispondere al nuovo sovranismo americano con un’iniziativa simile all’Inflation Reduction Act di Biden, che premia produzione e acquisto di vetture a batteria “made in USA” a suon di incentivi.

Il vertice, in ogni caso, segue non solo l’annuncio del prossimo tavolo automotive, in calendario il 5 dicembre, ma anche la tavola rotonda “Le filiere produttive tra crisi e sfide per il futuro”, organizzata nei giorni scorsi a Milano dalla rete d’affari franco-italiana CCI France Italie. L’invito di tutti i partecipanti, come Renault e Michelin, è di fare squadra per affrontare insieme la transizione energetica, compresa quella della mobilità.