Nell’attesa della versione ibrida plug-in, Lamborghini brinda all’inizio delle consegne della Urus S. La nuova declinazione del SUV di Sant’Agata Bolognese sta raggiungendo i primi clienti in questi giorni, i quali potranno guidare tutti i giorni una delle belve più potenti della gamma del Toro.

Naturalmente, tanti di questi esemplari sono stati personalizzati dai rispettivi proprietari, con abbinamenti unici di colori e finiture.

Il fascino dei 666 CV in chiave “sobria”

Presentata lo scorso settembre, la Urus S è la versione più “addomesticata” della Performante. Se quest’ultima, infatti, punta maggiormente su uno stile corsaiolo strizzando l’occhio alla pista, la S ha un look più tradizionale e sobrio, pur mantenendo lo stesso livello di prestazione.

Sotto al cofano di questa Lamborghini, infatti, c’è sempre il V8 biturbo da 666 CV (16 CV del modello pre-restyling) e 850 Nm, con uno scatto 0-100 km/h di 3,5 secondi (due decimi in più rispetto alla Performante) e una velocità massima di 305 km/h.

Lamborghini Urus S

Lamborghini Urus S

Come si diceva, le differenze con la Performante si concentrano nell’estetica, dato che la S presenta prese d’aria e elementi nel paraurti più sobri e meno esasperati. Il posteriore è stato ridisegnato, mentre tra i cerchi in lega si possono scegliere modelli da 21” fino a 23” in bronzo diamantato.

Lamborghini Urus S

L'abitacolo della Lamborghini Urus S

E poi ci sono le personalizzazioni degli interni, che sono potenzialmente infinite se si attinge dal catalogo disponibile dal programma Ad Personam di Lamborghini.

Volete sapere il prezzo? Si parte da 240.556 euro. Un’alternativa più economica (circa 67.000 euro in meno) rispetto alla Performante, ma più costosa di 8.000 euro della Urus “base”. Tuttavia, c'è chi aspetta la già citata variante ibrida plug-in che potrebbe esordire nella prima metà dell'anno.

Fotogallery: Lamborghini Urus S