Il restyling ha debuttato pochi mesi fa, ma in casa Alfa Romeo si guarda già al futuro della Stelvio. Il SUV del Biscione cambierà del tutto nel 2026, con l’arrivo di una seconda generazione che salterà ogni elettrificazione intermedia (in forma mild o plug-in) per passare all’elettrico puro.

Insieme a questa indiscrezione, Autocar riporta altri rumors su come potrebbe essere uno dei modelli più attesi dei prossimi anni.

Nuova piattaforma

Anche se al momento mancano delle conferme ufficiali, stando alla testata inglese, la Stelvio potrebbe utilizzare la piattaforma STLA Large, che sarà impiegata anche per l’ammiraglia Alfa di segmento. Questa architettura è la stessa della Peugeot Inception Concept presentata a inizio 2023 con una batteria da 100 kWh.

Alfa Romeo Stelvio (2023)

Alfa Romeo Stelvio (2023)

Se questo stesso powertrain fosse confermato sulla Stelvio, si potrebbe tranquillamente arrivare a un’autonomia di circa 720 km. Si tratterebbe di un risultato simile all’ipotetica Giulia elettrica, dato che Imparato aveva già anticipato in passato una percorrenza di quasi 700 km per la futura berlina a zero emissioni.

Infatti, l’idea di Alfa Romeo è di rendere il passaggio dalle versioni termiche a quelle elettriche il meno “traumatico” possibile, almeno a livello di comfort e di usabilità della vettura.

Si parte da 350 CV

È molto probabile che le future Stelvio e Giulia condividano le motorizzazioni elettriche, esattamente come accade adesso con quelle a benzina e diesel.

Alfa Romeo Stelvio (2023)

Alfa Romeo Stelvio (2023)

Entrambe potrebbero avere una versione entry level con motore singolo da 350 CV, per poi salire agli 800 CV della Veloce. La variante più sportiva resterebbe la Quadrifoglio, con una potenza di circa 1.000 CV che quasi raddoppierebbe i 510 CV dei modelli attuali dotati del 2.9 V6.

Dove saranno prodotte le nuove Alfa Romeo? Imparato ha lasciato intuire che Stelvio e Giulia elettriche nasceranno nell’impianto di Cassino, ma non ci sono ancora conferme.

Fotogallery: Alfa Romeo Stelvio (2023)