La transizione elettrica sta portando molte Case automobilistiche a cambiare i propri loghi, spesso per sottolineare proprio il loro impegno nel passare a modelli a batteria. E se come Opel il logo rappresenta il fulmine, icona dell'eccellenza dell'elettricità, il "gioco" diventa - forse - più facile.

Fatto sta che ora anche a Russelsheim hanno dato ai propri designer il compito di modificare il logo, chiamato Blitz ("fulmine" in tedesco), dandogli nuova forma. Ecco come è fatto.

Obiettivo elettrico

"Adesso il nostro Blitz è più importante che mai. Non solo simboleggia il nostro impegno verso la democratizzazione dell'innovazione e della mobilità, ma esprime anche il nostro impegno nel diventare un brand totalmente elettrico in Europa entro il 2028"

ha commentato così il nuovo logo Florian Huettl, CEO di Opel.

Lo stile generale rimane quello del passato, con il fulmine al centro di un anello. Ora però è  spezzato al centro, dividendo i due elementi orizzontali e acquisterà un'importanza maggiore sui modelli del futuro, rappresentando un punto luminoso al centro della mascherina Vizor di tutte le prossime Opel.

Nuovo logo Opel

La sua introduzione su modelli della Casa è prevista per il 2024 e non sarà quindi - come abbiamo avuto modo di vedere - sul frontale del restyling della Corsa. Quale sarà quindi il modello che terrà a battesimo il nuovo logo Opel? Di sicuro non l'ammiraglia Manta, prevista per il 2025. Potrebbe trattarsi della nuova generazione di Grandland, in arrivo nel 2024 in versione completamente elettrica.

La vera anteprima però dovremmo vederla al Salone di Monaco 2023 dove Opel, al fianco delle versioni elettriche di Astra e Corsa, porterà una novità mondiale della quale non sappiamo ancora nulla, ma che potrebbe essere stata anticipata da un primo teaser che trovate qui sotto.

Nuovo logo Opel