A settembre 2023 le immatricolazioni di auto nuove in Europa hanno toccato quota 1.166.728 (EU+EFTA+UK), un numero che confrontato con 1.050.312 di settembre 2022 rappresenta una crescita dell'11,1%.

Il risultato dello scorso mese è quindi positivo, ma meno rispetto ai mesi precedenti che segnavano crescite più vicine al 20%. Insomma, il periodo del rientro dalle ferie estive fa registrare un rallentamento nella crescita del mercato continentale dell'auto.

Con questo quattordicesimo mese di crescita il bilancio da inizio anno resta positivo, con 9.684.894 auto targate da gennaio a settembre 2023 (+17,0%), ma resta ampio il ritardo rispetto ai risultati pre pandemia (-20%) che nello stesso periodo del 2019 facevano registrare ben 12.115.927 immatricolazioni.

Italia e Regno Unito spingono di più

Particolarmente importante nel risultato europeo di Settembre è il contributo dato dall'Italia con il suo +22,7%, affiancato dal buon momento del mercato del Regno Unito che segna un +21,0% e diventa il Paese dell'area europea con più immatricolazioni.

Bene anche la Francia (+10,7%), mentre la Spagna (+2,3%) e soprattutto la Germania (-0,1%) sembrano stentare. Tra i mercati minori si segnala il +32,5% della Grecia e il +31,0% della Slovacchia.

Volano le elettriche

Parlando di alimentazioni si conferma il buon momento delle auto elettriche che occupano la terza posizione mensile con un 16,0% di quota di mercato, sempre davanti alle diesel che scendono al 10,4%.

Foto - Com'è fatta e come funziona una colonnina di ricarica

Una presa di ricarica elettrica

Le auto a benzina sono ancora le più vendute nel mese, con una quota del 34,8%, seguite da vicino dalle vetture ibride al 28,7% (mild e full hybrid). Le ibride plug-in sono al 7,9% del mercato e le altre alimentazioni (Gpl, metano, etanolo e idrogeno) totalizzano una quota del 2,1%.

Se andiamo invece a vedere la classifica per alimentazione da inizio anno scopriamo che le elettriche guadagnano lentamente quote di mercato a scapito di auto a benzina, diesel e Gpl e metano.

Le quote di mercato per alimentazione, gennaio-settembre 2023

  1. Benzina: 36,5% (36,7% a gennaio-agosto)
  2. Ibride: 26,0% (25,6% a gennaio-agosto)
  3. Elettriche: 15,2% (15,0% a gennaio-agosto)
  4. Diesel: 12,3% (12,6% a gennaio-agosto)
  5. Ibride plug-in: 7,4% (7,3% a gennaio-agosto)
  6. Altre alimentazioni: 2,4% (2,5% a gennaio-agosto)

Settembre positivo per Mercedes e Stellantis

Tra i grandi gruppi le crescite più robuste le fanno registrare Mercedes-Benz (+18,9%), Stellantis al +15,0% e Volkswagen con un +13,6%.

Con numeri più bassi si muovono molto bene anche Suzuki (+53,2%), Volvo (+26,7%) e Jaguar Land Rover (+21,4%). Il calo più importante è quello di Ford (-7,2%).

La classifica dei gruppi auto a gennaio-settembre 2023

  1. Volkswagen Group: 2.510.847 (+23,0%)
  2. Stellantis: 1.651.353 (+5,5%)
  3. Renault Group: 925.038 (+20,6%)
  4. Hyundai Group: 850.965 (+3,5%)
  5. Toyota Group: 667.192 (+12,1%)
  6. BMW Group: 660.020 (+11,9%)
  7. Mercedes-Benz: 521.578 (+9,1%)
  8. Ford: 402.682 (+5,4%)
  9. Tesla: 272.788 (+95,2%)
  10. Nissan: 219.382 (+26,8%)

Jeep cresce più di tutti

A livello di marchi spicca l'ottima crescita di Jeep che a settembre segna un +121,9% per effetto anche della nuova Avenger, ma in aumento sono anche le vendite di smart (+74,4%), Lexus (+58,8%), Seat (+63,3%) e Opel (+24,2%).

Jeep Avenger

Jeep Avenger

In calo troviamo DS (-3,6%), Hyundai (-3,9%) e Tesla (-19,2%) che sconta la sua caratteristica di concentrare le consegne a ondate bimestrali.