Salutate l'Alfa Romeo Milano. Nel senso che bisogna già dirle addio. Niente più nome a omaggiare la città che ha visto nascere e crescere il Brand del Biscione ma un ben più neutro - ma comunque legato alla tradizione - Alfa Romeo Junior. Un cambio al volo a seguito della polemica iniziata dal ministro Adolfo Urso che, citando la legge dell'italian sounding ha dichiarato che un'auto chiamata Milano non può essere prodotta in Polonia.

La domanda ora è: quali sono le auto chiamate con il nome di città italiane? La storia ne è piena e anche nei listini attuali non ne mancano.

I modelli del presente

Iniziamo con i modelli attualmente in commercio battezzati con i nomi di città italiane. Alcuni sono prodotti in Italia, altri invece hanno passaporto straniero. Con buona pace del ministro Urso.

Alfa Romeo Milano

<p>Alfa Romeo Milano</p>

Alfa Romeo Milano

Partiamo proprio con il modello che ha scatenato la discussione. Alfa Romeo Milano, nome legato alla storia della Casa ma anche particolarmente sfortunato: la Giulietta del 2010 avrebbe dovuto chiamarsi così, per poi cambiare praticamente all'ultimo. Ora è il turno della Junior

Alfa Romeo Stelvio 

<p>Alfa Romeo Stelvio</p>

Alfa Romeo Stelvio

Non è una città ma un luogo 100% italiano. Passo alpino tra i più famosi ha dato il nome al primo SUV Alfa, prodotto nello stabilimento di Cassino.

Alfa Romeo Tonale

<p>Alfa Romeo Tonale</p>

Alfa Romeo Tonale

Altro nome legato alle alpi per l'Alfa Romeo Tonale, primo modello elettrificato del Biscione le cui linee di produzione si trovano nella fabbrica di Pomigliano d'Arco.

Ferrari Roma

<p>Ferrari Roma</p>

Ferrari Roma

Ispirata alla Dolce Vita la Ferrari Roma è un omaggio alla Città Eterna e alle sue bellezze. Una GT mossa dal motore V8 prodotta naturalmente - come tutte le Ferrari della storia - nella fabbrica di Maranello.

Kia Sorento

<p>Kia Sorento</p>

Kia Sorento

Anche se le manca una "r" la Kia Sorento è chiaramente ispirata a uno dei gioielli del golfo di Napoli. Un omaggio all'Italia e alle sue bellezze per un SUV prodotto in Corea del Sud, nello stabilimento di Hwasung.

KGM Tivoli

<p>KGM Tivoli</p>

KGM Tivoli

Prima Ssangyong, ora KGM. Il risultato però non cambia: il SUV piccolo della Casa coreana si chiama Tivoli, esattamente come il comune laziale. Anche in questo caso però il passaporto non è italiano: la fabbrica infatti si trova in Corea del Sud.

Nissan Murano

Nissan Murano

Nissan Murano

Arrivato anche da noi in Europa e poi ritirato il SUV giapponese chiaramente non viene prodotto in Italia, pur avendo il nome delle isole al largo di Venezia, famose per gli artigiani specializzati nella lavorazione del vetro.

I modelli del passato

Come detto la storia è piena di auto con nomi di città e luoghi italiani. Specialmente in casa Ford.

Ferrari 599 GTB Fiorano

Ferrari 599 Fiorano

Ferrari 599 Fiorano

Prodotta dal 2007 al 2012 a Maranello la V12 del Cavallino nel nome omaggiava il paese dove sorge il circuito di proprietà di Ferrari, dove vengono sviluppati i vari modelli.  

Ferrari 458 Italia

Ferrari 458 Italia

Ferrari 458 Italia

L'ultima Ferrari con il V8 aspirato la 458 Italia voleva celebrare le bellezze del Bel Paese. È stata prodotta dal 2009 al 2015, naturalmente a Maranello.  

Ferrari 360 Modena

Ferrari 360 Modena

Ferrari 360 Modena

Maranello. Provincia di Modena. Un nome importante per Ferrari, utilizzato per una delle V8 del Cavallino più amate e apprezzate di sempre. 

Ferrari Portofino

Ferrari Portofino

Ferrari Portofino

Prodotta dal 2018 e prossima alla pensione la Ferrari Portofino porta il nome della famosa località ligure, una delle mete marittime più "in" d'Italia.

Ferrari Monza SP1 ed SP2 

Ferrari Monza SP1

Ferrari Monza SP1

Tiratura limitata a 100 esemplari ciascuna per queste due barchette a uno o due posti presente nel 2018. Mosse dall'iconico V12 Ferrari sono un chiaro richiamo al tempio della velocità brianzolo, tra i circuiti permanenti più antichi del mondo.

Ford Capri

Ford Capri

Ford Capri

Praticamente una Mustang in piccolo dedicata al mercato europeo, con nome ispirato all'isola nel golfo di Napoli per darle ancora più appeal. Motori non esagerati - niente V8 ma ben più parche unità a 4 cilindri - per un modello prodotto dal 1969 al 1986 al di fuori dei confini italiani. E che potrebbe ritornare - in veste di SUV elettrico - nei prossimi anni. Ancora una volta con passaporto non italiano.

Ford Cortina

Ford Cortina

Ford Cortina

Brand statunitense, fabbrica inglese e nome italiano per la Ford Cortina, berlina prodotta dal 1962 al 1982. Un melting pot su ruote che oggi potrebbe scatenare le ire del ministro Urso.

Ford Torino

Ford Torino

Ford Torino

Prodotta negli USA e famosa per essere stata l'auto di Starsky & Hutch con il proprio nome voleva rendere omaggio alla capitale italiana dell'auto, considerata la Detroid del Bel Paese. Riportata in auge dal film "Gran Torino" di Clint Eastwood sotto il lungo cofano aveva un classico V8.

Innocenti Elba

Innocenti Elba

Innocenti Elba

Di fatto una Fiat Duna ribrandizzata e leggermente modificata nell'estetica, prodotta tra il 1991 e il 1997 non nello storico stabilimento Innocenti di Lambrate (Milano) ma in Brasile.

Lancia Aprilia

Lancia Aprilia

Lancia Aprilia

Un modello rivoluzionario - con scocca portante sospensioni indipendenti e carrozzeria con uno studio minuzioso dell'aerodinamica - con nome ispirato alla città in provincia di Latina, nata nel 1936 a seguito delle bonifiche dell'Agro Pontino.

Lancia Artena

Lancia Artenaù

Lancia Artena

In passato Lancia ha utilizzato a profusione la toponomastica italiana per battezzare i propri modelli, come la Artena, nome di un comune laziale in provincia di Roma utilizzato per il modello che venne poi sostituito dalla Aprilia.

Lincoln Capri

Lincoln Capri

Lincoln Capri

Il nome dell'isola campana compare anche associato a Lincoln, brand di lusso di Ford, per una berlina prodotta (naturalmente negli Stati Uniti) dal 1952 al 1959.

Opel Monza

Opel Monza

Opel Monza

La città dello storico tracciato di Formula 1 è stata presa per battezzare la coupé tedesca prodotta dal 1978 al 1986, per richiamare il concetto di sportività. Nome ripreso poi nel 2013 per una concept, il cui stile è stato poi ripreso da vari modelli della Casa.