Prendere una multa capita e non è certo mai una cosa gradita. Dover pagare un extra perché la si è presa mentre si guidava un'auto a noleggio aumenta la scocciatura. E non è nemmeno corretto. Molte società di noleggio infatti richiedono un extra per la gestione amministrativa, pratica condannata dall'AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni), che ha disposto il pagamento di una sanzione cumulativa di oltre 18 milioni di euro da parte di Avis, Hertz, Centauro, Green Motion, Noleggiare e Drivalia.

Basta poco 

Nel comunicato l'Autorità Garante scrive

L’Autorità contesta la clausola, contenuta nella documentazione contrattuale adottata da ciascuna società e pubblicata sui rispettivi siti internet aziendali, che prevede l’obbligo del locatario della vettura di pagare un importo forfettario (cd. “fee”) per gestire la pratica amministrativa correlata a ciascuna multa irrogata per infrazione stradale od omesso pagamento di tariffe di parcheggio/pedaggio durante il periodo di noleggio 

Importi aggiuntivi alla tariffa del noleggio auto che, secondo l'AGCOM, non sono giustificati in quanto le società di noleggio non sono chiamate a particolari adempimenti burocratici, dovendo semplicemente comunicare alle Forze dell'Ordine o all'ente che ha accertato l'eventuale infrazione i vari dati identificativi del conducente

Da oggi quindi nei contratti di noleggio auto delle sei società coinvolte - per ordine dell'AGCOM - non sarà più presente la clausola incriminata. Inoltre ognuna delle società dovrà pubblicare sul proprio sito commerciale l'estratto del provvedimento.