Il 2024 segna i 50 anni dalla nascita della prima generazione di Volkswagen Golf, modello fondamentale per la Casa e per anni l'auto più venduta in Europa. Mezzo secolo segnato da 8 generazioni, una manciata di restyling e versioni sportive. La più celebre è sicuramente la Golf GTI, nata nel 1976 e da allora rimasta sempre in gamma, con versioni speciali a segnare anniversari particolari.

Esattamente ciò che potrebbe fare la nuova versione della Volkswagen Golf GTI restyling, anticipata da un breve video teaser pubblicato da Thomas Schäfer - CEO della Casa - e attesa al debutto il 31 maggio in occasione della 24 ore del Nurburgring.

Poche ma buone

Come ogni video teaser che si rispetti nulla di ciò che si vede (o meglio, si intravvede) è chiaro. Immagini sfocate, qualche scritta a nulla più. Bisogna aguzzare la vista per capire se (ed eventualmente come) cambierà la prima versione speciale della nuova Volkswagen Golf GTI. Che potrebbe essere la già annunciata Clubsport o un allestimento celebrativo chiamato Edition 50. 

Analizzando frame per frame sembra che i paraurti anteriori abbiano un nuovo - e più aggressivo - disegno e splitter ben più accentuato. Lo stesso trattamento estetico e funzionale dovrebbe essere presente anche al posteriore, ma solo il 31 maggio Volkswagen ci fornirà tutte le risposte del caso.

Potrebbero esserci modifiche anche alla meccanica, motore compreso, per dare qualche cavallo in più al 2.0 TSI della Volkswagen Golf GTI di serie che, con il restyling, supera per la prima volta i 250 CV assestandosi a quota 265. Dovesse trattarsi della Golf GTI Clubsport la potenza dovrebbe essere di 300 CV ma, ripetiamo, non ci sono ancora certezze.