Spaziosa dentro e completamente nuova fuori, continua ad essere il riferimento per chi cerca un'auto comoda per la famiglia

Le monovolume non sono mai state auto “alla moda”, chi le comprava aveva bisogno di tanto spazio per viaggiare con la famiglia ed era disposto a rinunciare ad auto dal design ricercato in favore di una soluzione più pratica. Alcuni marchi, sopratutto tedeschi, continuano a produrli ma chi li ha inventati, ossia Renault, li ha voluti reinventare come Crossover. Le dimensioni sono rimaste importanti, 4,86 m, ma le linee sono tutte nuove.


Pregi e difetti


Appena entrati si ha subito l’impressione di essere in un’auto premium perchè la qualità si percepisce dai rivestimenti in pelle dei sedili, dei pannelli delle quattro porte e dagli assemblaggi dei comandi dell’abitacolo che si possono paragonare a quelli delle più blasonate tedesche. La posizione di guida è alta, comoda e garantisce un buon comfort di viaggio mentre nelle manovre i sensori di parcheggio aiutano tanto soprattutto per il fatto che il cofano, del quale è difficile vedere la fine, potrebbe dare qualche problema. Il motore biturbo 1.6 Diesel da 160 CV con il cambio automatico doppia frizione garantisce una guida fluida e senza indecisioni. Le sospensioni smorzano bene le buche, mentre le strade sconnesse si fanno sentire sopratutto nella parte posteriore. Uno dei punti forti dell’Espace è il bagagliaio: si parte da 660 litri ma aumenta fino a 2100 con tutti i sedili tirati giù ma può essere anche configurato per la terza fila ripiegabile (optional) e nel caso siano tirati su lo spazio diminuisce fino a 240 litri perciò i viaggi lunghi in sette sono poco fattibili. Per quel che riguarda i difetti, manca la funzione “hold” che tiene l’auto ferma ai semafori. E poi su una macchina così tecnologica, ci si sarebbe aspettato un cruise control adattivo più sofisticato che funzioni anche sotto i 30 Km/h. A livello di ergonomia risulta troppo facile inserire, inavvertitamente, la folle appoggiando la mano sulla leva del cambio per utilizzare il climatizzatore.


Qual è la versione migliore?


Il motore Diesel da 160 CV di questa prova è il miglior compromesso per consumi e prestazioni, sopratutto considerando la natura da viaggiatrice dell’Espace. L’allestimento intermedio Intens è un buon compromesso tra equipaggiamenti e prezzo ed include: clima bi-zona, sensori di parcheggio, cruise control, sistema R-Link 2, sedile conducente con massaggio, assistenza alla frenata di emergenza, assistenza al mantenimento della carreggiata ed il Multi-sense, che permette di selezionare cinque modi impostazioni diverse di guida: Sport, Eco, Comfort, Normal e Personalizzato. 

Fotogallery: Renault Espace, l'ex monovolume è tornata