Abitabilità e capacità di carico sono i punti di forza che ci si aspetta, ma l'MPV tedesca stupisce su strada

Una volta le chiamavamo monovolume, più di recente MPV, negli ultimissimi anni ce ne siamo quasi dimenticati. Sì perché le auto per la famiglia per definizione sono ormai diventati i SUV e le Case che resistono sul mercato delle MPV restano pochissimi. Due, combinazione, sono premium: BMW con Serie 2 Active Tourer e Serie 2 Gran Tourer, e appunto Mercedes con Classe B.

Quest’ultima, giunta alla terza generazione, è basata sulla nuova Classe A, rispetto alla quale ovviamente si sviluppa di più in altezza e di cui riprende in pieno l’alta dose di equipaggiamenti tecnologici, che nel video potete apprezzare meglio di quanto possiate fare leggendo… Quindi, un consiglio: cliccate play appena avete finito di leggere!

Pregi e difetti

Altezza: il segreto delle MPV sta tutto qui. Nel dettaglio della Classe B, la carrozzeria è più alta di 10 cm rispetto a quella della Classe A (156 cm contro 146): un vantaggio in termini di abitabilità e di capacità di carico, che cresce da 370/1.210 litri a 455/1.540 litri.

Nuova Mercedes Classe B

Il tutto, pensate, a fronte di una lunghezza di 2 cm inferiore: 4,44 per la “B”; 4,46 per la “A”. Lo sfruttamento dello spazio la vede in vantaggio anche rispetto ai SUV, che sono sì alti in generale, ma lo sono anche da terra; in altre parole, parte del maggiore ingombro verticale dei SUV è dovuto all’assetto più alto e non si traduce in cm aggiuntivi all’interno.

Mercedes Classe B, nel Garage di Motor1.com, la prova di Massimo

Sorprende poi il comportamento stradale, decisamente più gradevole di quanto ci si aspetterebbe su una macchina così, senza peraltro che ciò vada a limitare il comfort.

Difetti? Piccole cose, ma ci sono: la parte sinistra dello schermo centrale è nascosta dal volante e costringe a spostare la testa per vedere alcune informazioni; il sistema di mantenimento di corsia spesso interviene in maniera troppo brusca con i freni e, per il resto... Il consiglio è lo stesso di prima: guardate il video!

Quanto costa

Si parte da poco più di 27.000 euro per il 1.300 turbo benzina; se si prende in considerazione però un allestimento ben equipaggiato, si sale facilmente a quota 37-38.000 euro. Se siete orientati all’acquisto del diesel, mettete in conto 2.000 euro in più per il 1.500, 4.000 per il 2.0 da 150 CV.

Per il resto , se è vero che si tratta di un’auto ricca e moderna, è vero anche che necessita di parecchie integrazioni alla dotazione di serie. Ecco alcuni esempi: gli airbag laterali posteriori e il sensore di angolo cieco sono optional a 500 euro.

Nuova Mercedes Classe B

Non dimenticate i fari a matrice di led (in un pacchetto da 1.700 euro); le telecamere di manovra (700 euro); i sedili elettrici, riscaldabili e ventilati (1.400 euro); il sistema MBUX con gli schermi più grandi (almeno 500 euro più 300 euro di realtà aumentata nel navigatore); oppure oltre 2.000 per il pacchetto di assistenti alla guida.

Fotogallery: Nuova Mercedes Classe B