Un frontale che non vuole passare inosservato e una dinamica di guida che non delude, soprattutto se accoppiata a un motore generoso

Soffermiamoci per un attimo sul significato del sostantivo “carisma”, che il vocabolario Treccani definisce anche come la “Capacità di esercitare, grazie a doti intellettuali o fascino personale, un forte ascendente sugli altri e di assumere la funzione di guida, di capo”.

Ebbene, la nuova BMW Serie 4 Coupé è stata definita in diversi modi, soprattutto considerando lo stile del frontale, ma quel che è certo è che il carattere non le manca. E tanto meno, la capacità di soddisfare che ricerca il tipico piacere di guida di una BMW a due porte, specie se equipaggiata con un propulsore equilibrato ma prestante come quello di cui la 430i del nostro #PerchéComprarla è dotata.

Clicca per leggere
Dimensioni | Interni | Guida | Consumi | Prezzi

Pregi e difetti

Ci piace Non ci piace
Qualità dinamiche Dotazione di serie
Personalità spiccata Accessibilità posteriore
Ergonomia Stop&Start un po’ brusco
ADAS efficaci   

Verdetto

8.8 / 10

La BMW Serie 4 Coupé è un’auto che sfida le convenzioni e, in certo senso, le ristabilisce. Il suo stile è di certo dirompente e vicino a modelli iconici di BMW Classic, da considerare prima di giudicarlo.

BMW M440i xDrive

Ciò che però rende “specialmente tradizionale” questa nuova Serie 4 Coupé è la concretezza con cui trasmette un genuino piacere di guida, una sensazione avvolta in un abitacolo dove regna l’ergonomia più coinvolgente e una buona dose di tecnologia, non troppo invasiva.

Ed è così che persino il palato più esigente si lascia deliziare da un handling equilibrato che non necessita di fare indigestione di cavalli, con la 430i, che per poco sconfina in “zona superbollo”.

Dimensioni, bagagliaio e spazio

E’ lunga quasi 4 metri e 80 cm, un incremento considerevole rispetto alla precedente generazione, ma le proporzioni generali rimangono comunque armoniche. Da ferma questa Coupé vanta infatti una silhouette morbida, con superfici più lisce e il raccordo tra parabrezza, tetto e coda assai fluido, con la griglia frontale a sviluppo verticale che taglia definitivamente i ponti col passato. Molto raffinata l’aerodinamica, con un CX da record di 0,25.

In quanto a spazio, considerando le dimensioni esterne, l’abitabilità sarebbe potuta essere migliore. Nulla da dire sulla capacità del bagagliaio, variabile tra 440 a 1.300 litri, ma se i bagagli viaggeranno comodi, lo stesso non si può dire per i passeggeri posteriori. Se infatti si è più alti di 175 cm, la testa potrebbe toccare il cielo, mentre per le gambe nessun problema.

Le misure

 

Fuori

 

Lunghezza

4,77 metri

Larghezza

1,90 metri

Altezza

1,38 metri

Passo

2,85 metri

Dentro

 

Bagagliaio

440 / 1.300 litri

Plancia e comandi

Il giusto equilibrio di tecnologia e tasti fisici. Una plancia che mette subito a proprio agio e che rispetta il tradizionale orientamento verso il pilota, tipico di BMW, confermando peraltro una elevata qualità di materiali e assemblaggi.

BMW M440i xDrive

Il touchscreen centrale da 10,2 pollici vi darà accesso al sistema operativo, qui in versione BMW Live Cockpit Professional, arrivato alla settima generazione. Aggiornabile over the air, può essere gestito anche dal touchpad e permette l’interazione in remoto. Ovviamente disponibili Apple Car Play e Android Auto, interfacce che ora non necessitano di cavi.

Come va e quanto consuma

Il 2 litri da 258 CV del 430i è sempre ottimo e abbondante, così da permettere riprese e accelerazioni vigorose, col suono che non è corale, è pur sempre un quattro cilindri, ma piacevole anche all’accensione. L’erogazione manifesta tutti i suoi 400 Nm tra 1.550 e 4.400 giri, mentre al contrario, se volete viaggiare nel massimo silenzio a 130 orari si veleggia a nemmeno 2.000 giri.

L’handling della Coupé si conferma eccellente: a vantaggio della due porte infatti, rispetto alla Serie 3 berlina, qui c’è una carreggiata posteriore più larga di 23 mm, un baricentro più basso di 21 mm e quindi una rivisitazione completa di geometrie e tarature dell’assetto a tutto vantaggio della stabilità di marcia, assecondata da uno sterzo sempre impeccabile, con la modalità Confort che si conferma la più azzeccata.

BMW M440i xDrive

Il divertimento è sempre a portata di piede destro, quindi le percorrenze registrate in questa prova hanno un buon margine di miglioramento. Le percorrenze in città si aggirano intorno ai 9 km al litro, mentre salgono a 12-13 km per litro nell’extra urbano stabilizzandosi intorno ai 10-11 in autostrada. In generale, considerando anche la natura giocosa della 430i, il consumo medio è in linea con le prestazioni e pari a circa 10 km/litro.

Versione provata

 

Motore

4L - 2.0 Turbo benzina

Potenza

258 CV totali

Coppia

400 Nm

Cambio

Automatico 8 marce

Trazione

Posteriore

Prezzi e concorrenti

La versione d’ingresso è la 420i che parte da 50.750 euro, circa la stessa cifra per diesel 420d da 190 CV mild hybrid a 48 volt, l’unica a trazione posteriore o integrale. L’altra ibridizzata “soft” è la M440i xdrive col motore 6 cilindri 3 litri da 374 CV. La 430i costa invece 56.400 euro, mentre l’esemplare di questo test, così allestito, supera i 70 mila euro di listino.

BMW M440i xDrive

Volendo considerare la concorrenza, il derby è tutto tedesco, almeno per ora, trattandosi di Audi A5 e Mercedes Classe C Coupè, quest’ultima disponibile sia con trazione posteriore che integrale, come la BMW.

Fotogallery: Nuova BMW Serie 4, la prova su strada