Volvo XC60 T8 Twin Engine, l'ibrida plug-in dall'anima sportiva

Nella storia recente della Volvo, nessuna auto è così importante come la XC60, che nella prima generazione prodotta tra il 2008 e il 2017 è stato il modello più venduto nella “seconda vita” della Casa svedese, totalizzando oltre un milione di esemplari. La Volvo più venduta di sempre rimane la serie 240, con le sue 2,9 milioni di unità, ma la XC60 è comunque una vera best-seller. Dopo che la versione diesel D5 è stata protagonista del nostro  Perchécomprarla, abbiamo voluto provare anche il top di gamma, rappresentato dalla T8 Twin Engine AWD Geartronic, ovvero la ibrida plug-in.

Com'è

Il segmento D-SUV è quello dove la concorrenza è più dura, perché a differenza dei segmenti inferiori sono in campo anche tutti i costruttori premium e il prezzo è una parte secondaria della sfida. Qui quello che conta è lo stile, la qualità ma soprattutto la percezione del brand e Volvo è forte in tutti e tre i settori. Anche se il giudizio sul design è sempre soggettivo, risulta davvero difficile trovare appigli per dire che la XC60 non è una bella macchina, ma non solo. Le sue linee si discostano dalla massa e sono così tipicamente Volvo che si potrebbero togliere gli stemmini senza timori di confusione. Gli interni, poi, sono ancora più caratteristici a partire dall'ormai famoso sistema di infotainment con display verticale e logica di funzionamento uguale a quella degli smartphone. Ma anche la qualità dei sedili salta all'occhio, così come l'odore degli interni in pelle - anch'esso inequiv...