Nuova Honda CR-V, come va con il 1.5 benzina

Nata nell'ormai lontano 1995, Honda CR-V è, dal 2002, il SUV più venduto al mondo. Per cercare di mantenere il “titolo”, ecco un modello tutto nuovo, che ha già fatto capolino in Europa allo scorso Salone di Ginevra. La prima presa di contatto è con il cuore a benzina, sia con cambio manuale a 6 marce sia con CVT, a trazione anteriore e integrale.

Com'è

Il lavoro dei designer è stato più facile del previsto: perché mai modificare drasticamente i tratti di un SUV che piace? Ciò nonostante, se la lunghezza non è cresciuta (4,60 metri) il cofano è più slanciato – grazie ai montanti arretrati – e il passo è aumentato di 3 cm. Ciò significa che per le gambe dei passeggeri della seconda fila ci sono 5 centimetri in più, con il piano di carico lungo 1,83 metri (perfettamente piatto) se si abbattono gli schienali. Se invece si parla della CR-V a sette posti, ecco che compare il divano posteriore scorrevole (15 cm) che si ripiega a pacchetto per facilitare l'ingresso in terza fila. A schienali abbattuti, il piano è un poco più corto (1,80 metri) mentre il pianale del bagagliaio (561 litri in configurazione 5 posti) è sempre posizionabile su due livelli. I tecnici hanno poi ampliato l'angolo di apertura delle porte posteriori (+6°) e hanno sagomato il brancardo per far sì che non ci si sporchi i pantaloni scendendo dall'auto. Intelligenti anche i vani portaoggetti, ampliati sulle portiere – spostando in alto le casse – e furbo il mobiletto centrale, con un vassoio posizionabile in tre ...