Al Salone di Detroit, una carrellata dei mezzi dell'Ovale blu destinati al mercato a stelle e strisce

Al Salone di Detroit sventola forte la bandiera a stelle e striscie, e dunque anche l'orgoglio patriottico americano, in molti stand, la fa da padrone. D'altro canto, il mercato americano è figlio anche dei grandi spazi che gli Stati Uniti offrono con i loro boschi, i deserti e le montagne. Non è un caso che il Ford F-150 sia tra i veicoli più venduti e maggiormente rappresentativi della filosofia yankee. Proprio lo stand della casa dell'ovale blu ha messo in mostra alcuni suoi prodotti che in Italia, con ogni probabilità, non vedremo mai.


Pick-Up Maxi


Definire il Super Duty come un 'semplice' pick-up parrebbe riduttivo, per lo meno accostandolo al già predominante Ford F-150. Eppure, perfino quest'ultimo sembra piccolo rispetto a questo enorme mezzo che coniuga la versatilità di un pick-up certo, ma anche la lunghezza di un truck. A questo bisogna abbinare una potenza in grado di trasportare anche praticamente qualsiasi rimorchio, persino un motorhome. Merito dei motori V8 sia a benzina che diesel da 6.2 litri. Come definito dalla locandina affissa "best-in-class torque". Prezzi? Si parte da 32,890 dollari (poco meno di 27 mila euro) per il Super Duty F-250 XL, fino ad arrivare agli 85.805 dollari (circa 70 mila euro) per la versione più estrema, il Super Duty F-450 Limited. In tema di Super, o se preferiamo di "Maxi", oltre ai conosciuti EcoSport o Ranger, ecco l'Expedition, Suv che già a partire dai propri pneumatici - dei BF Goodrich tassellati - definisce la sua natura. Un prodotto ottimizzato per l'avventura nei deserti o in ambienti comunque selvaggi, come sottolineato anche dagli stessi proiettori posti sopra il tetto. Da citare anche l'Explorer, con delle forme che, sopratutto al frontale, ricordano alla lontana lo stile di Range Rover. 


Non solo Suv


Chiaramente, lo stand Ford a Detroit non vive solo dei suoi mezzi più rappresentativi per chi vuole vivere natura ed ambienti selvaggi con 'potenza', ma anche con le iconiche Ford Mustang e Mondeo. Sorprende d'altro canto, per noi italiani, come la piccola Fiesta negli Stati Uniti si mostri a tre volumi. Una linea particolare per la Segmento B della casa dell'ovale blu. Non sorprende invece lo stile aggressivo e da corsa della Ford GT40, impreziosita in questo Salone, da un'inedita livrea con tanto di tabella circolare numero 1, probabilmente a ricordare la vittoria storica al ritorno nel mondiale Endurance, a 50 anni dalla storica vittoria della prima GT contro lo storico nemico sportivo di Maranello.

Le Ford americane... che non esistono in Italia