Il terzo modello del neonato brand cinese si basa sull’architettura della “cugina” Volvo XC40

Da noi il brand Lynk & Co. non è certo molto conosciuto e d’altra parte è giusto così: per ora è destinato al mercato cinese e il suo unico modello, chiamato 01, non è mai sbarcato in Europa. Le cose però stanno per cambiare: il neonato marchio di proprietà di Geely (che possiede anche Volvo) ha il Vecchio Continente nel mirino e un piano di conquista che partirà da Gent, dove sorge lo stabilimento dal quale usciranno i modelli della Casa cinese compresa la nuova Lynk & Co. 02, presentata pochi minuti fa ad Amsterdam.

DNA vincente

Sotto il nuovo crossover compatto si cela la meccanica della Volvo XC40, fresca vincitrice del premio Auto dell’anno, mentre le linee sono tutte nuove e riprendono in parte quanto già visto dalla sorella maggiore Lynk & Co. 01 e dalla berlina (ancora in veste di concept) 03. Uno stile che sembra riprendere alcuni dettagli dalla Porsche Macan (specialmente nella parte anteriore) con immancabili gruppi ottici led a sviluppo verticale. Le misure non sono state comunicate ma non dovrebbero discostarsi da quelle della XC40, quindi una lunghezza di circa 4,4 metri per inserirsi in un segmento molto “caldo” e tra i più graditi dagli automobilisti europei.

Tutto di serie

All’interno i richiami al mondo Volvo sono ridotti al minimo e si risolvono fondamentalmente con il disegno della piccola leva del cambio automatico. Il resto è tutto nuovo e non ha uno stile particolarmente originale, con la strumentazione digitale e al centro della plancia il monitor touch per il sistema di infotainment sotto al quale si trovano i tasti per il climatizzatore. Pochi anche i tasti sul volante, giusto per gestire i numerosi sistemi di assistenza alla guida di derivazione Volvo. La tecnologia avrà grande spazio nella nuova Lynk & CO 02, grazie alla connettività che permetterà, ad esempio, di condividere l’auto con amici e parenti semplicemente utilizzando il proprio smartphone. Tecnologie tutte di serie: come la 01 infatti anche la 02 sarà venduta full optional. Una filosofia che segue quella del mondo degli smartphone, dove tutto è di serie e si possono scegliere unicamente pochi dettagli come spazio di archiviazione e colore.

Solo ibrida per l’Europa

Che il diesel non stia vivendo il suo periodo più felice in Europa è sotto gli occhi di tutti e con la gran parte delle Case automobilistiche impegnate ad elettrificare le proprie gamme Lynk & Co. importerà in Europa unicamente modelli ibridi. La 02 non farà eccezione e condividendo la piattaforma con la Volvo XC40 è più che probabile che a muoverla ci penserà il 1.5 turbo benzina 3 cilindri unito a un piccolo motore elettrico. Per conoscere i prezzi è ancora troppo presto, la Lynk & Co. 02 arriverà in Europa solo nel 2020 e non sarà venduta nelle classiche concessionarie. La strategia del brand cinese infatti prevede che le auto vengano vendute sul web con formule particolari simili a Care by Volvo, con uno piano di noleggio simile a quello utilizzato per gli smartphone.

Fotogallery: Lynk & Co 02