Ecco un confronto a ruote ferme tra il nuovo SUV giapponese e le tante concorrenti

E pensare che il suo era un monopolio di fatto: tra la fine degli anni Novanta e l’inizio dei Duemila, la Toyota RAV4 era l’unico SUV di dimensioni medie, e che si potesse davvero definire tale, sul mercato. Poi, quando tutti hanno capito che senza SUV, di ogni dimensione e forma, non si poteva più stare, la concorrenza si è moltiplicata e, per la giapponese, lo spazio si è ridotto sempre di più. Al Salone di New York è stata presentata la quinta generazione; un’auto che ha suscitato un grande interesse e che abbiamo deciso di mettere a confronto - anche se per ora solo sulla carta - con le concorrenti più affermate. Non ci sono tutte, questo è bene chiarirlo, ma solo quelle più interessanti perché lanciate da poco (VW Tiguan Allspace), perché tra le più vendute (Peugeot 5008 e Nissan X-Trail) o per qualche “dote” in particolare (nuova Honda CR-V ibrida e Skoda Kodiaq perché parte da meno di 25.000 euro). 

Le “mancano” due posti

Lunga 4,6 metri, la nuova RAV4 è lunga esattamente come la nuova Honda CR-V, è 4 cm più corta della Peugeot 5008, 9 cm più corta della Nissan X-Trail e 10 cm più corta di Skoda Kodiaq e Volkswagen Tiguan. Insomma, tutte superano la soglia dei 4 metri e mezzo, che le fa entrare in quella sorta di “zona rossa” quando si sta cercando parcheggio. Tuttavia, la nuova RAV4 è l’unica a non poter avere la terza fila di sedili, nemmeno a pagamento, presumibilmente a causa del lunotto piuttosto inclinato. E questo, a parità (o quasi) di ingombri potrebbe essere un problema per le famiglie numerose, ma anche per quelle che non hanno più di 2 figli, ma magari viaggiano spesso con “cuginetti” e/o “amichetti”.

Ma non le manca bagagliaio, in attesa dei numeri

Altro argomento caldo quando si parla di Sport Utility, in particolare di questa taglia, è la capienza del bagagliaio; e nessuna delude. Purtroppo però dobbiamo sospendere il giudizio proprio su di lei, sulla RAV4, di cui non si hanno ancora le quote interne; di sicuro, date le dimensioni e data anche l’assenza della terza fila di sedili (che, anche se ripiegata, qualche cm lo ruba sempre), le potenzialità ci sono tutte. In “stand-by” anche l’altra giapponese, la Honda CR-V, che secondo i dati di omologazione americani offre 1.110 litri con 5 posti e oltre 2.100 con i sedili posteriori abbattuti: 1.110 litri sono davvero tanti, per un SUV di 4,6 metri, per quanto Honda sia capace come poche altre aziende di ricavare spazio utile. Per quello che riguarda le altre, la Nissan X-Trail si attesta su 565/1.996 litri, la Peugeot 5008 su 780/1.940 litri, la Skoda Kodiaq su 835/2.065 e la Vokswagen Tiguan Allspace su 760/1.920.

Insieme alla CR-V è l’unica ibrida

Toyota è sinonimo di ibrido e con la nuova RAV4 rinforza tale teoria, visto che la importerà solo 100% Hybrid, con il motore a benzina da 2,5 litri abbinato a due elettrici, per un totale di oltre 200 CV (circa), in vendita a partire dal primo trimestre del 2019. Non c’è bisogno di spiegare tutti i vantaggi dell’ibrido, ben noti sia dal punto di vista dei consumi sia da quello delle emissioni, ma è anche vero che in un segmento dominato ancora dalle motorizzazioni a gasolio, per qualcuno la mancanza del diesel potrebbe essere uno “scoglio”. Diesel che invece non mancano alla concorrenza: Peugeot, Skoda e Volkswagen offrono turbodiesel 1.6 e 2.0, che sono la scelta migliore per chi fa tanti km in autostrada. Diverso il caso della CR-V, che offrirà benzina, diesel e ibrido.

Prezzi ancora da definire

I listini della nuova RAV4 sono ancora tutti da definire e, probabilmente, ci vorrà ancora un po’. Difficilmente, comunque, si discosteranno molto da quelli dell’attuale generazione, che va da 34.650 a 41.650 euro. Se si prendono versioni della concorrenza paragonabili per prestazioni e consumi i prezzi sono vicini, ma con la scelta del 100% ibrido, Toyota si potrebbe “precludere” quella (stretta) parte di automobilisti che il SUV lo comprerebbe anche con motore “basic”. Prendiamo la Peugeot 5008, per esempio, che con motore a benzina da 130 CV costa meno di 26.000 euro e, con diesel 1.6 da 120 CV, poco più di 28.000. X-Trail? Da 25.650 euro la 1.6 a benzina e da 29.750 la 1.6 diesel. Idem la Skoda Kodiaq, che parte da 24.750 euro e, con diesel da 150 CV e cambio automatico DSG di serie, costa 30.570 euro; il tutto, con una dotazione non ricchissima ma sufficiente.  

Dimensioni (lunghezza-larghezza-altezza)

Honda CR-V: 4,6/n.d./n.d. m
Nissan X-Trail: 4,69/1,82/1,71 m
Peugeot 5008: 4,64/1,84/1,65
Skoda Kodiaq: 4,7/1,88/1,68 m
Toyota RAV4: 4,6/1,86/1,69 m
Volkswagen Tiguan Allspace: 4,7/1,84/1,67 m

Capacità bagagliaio

Honda CR-V: 1.110/2.100 litri
Nissan X-Trail: 565/1.996 litri
Peugeot 5008: 780/1.940 litri
Skoda Kodiaq: 835/2.065 litri
Toyota RAV4: n.d.
Volkswagen Tiguan Allspace: 760/1.920 litri

Motori

Honda CR-V: 1.5 turbobenzina, ibrido, 1.6 turbodiesel
Nissan X-Trail: 1.6 turbobenzina (163 CV), 1.6 turbodiesel (130 CV) e 2.0 turbodiesel (177 CV)
Peugeot 5008: da 1.2 turbobenzina (130 CV) a 2.0 turbodiesel (177 CV)
Skoda Kodiaq: da 1.4 turbobenzina 125 a 2.0 turbodiesel (150 e 190 CV)
Toyota RAV4: 2.5 benzina + elettrico ibrido
Volkswagen Tiguan Allspace: 2.0 turbodiesel da 150 a 240 CV

7 posti

Honda CR-V: Sì
Nissan X-Trail: Sì
Peugeot 5008: Sì
Skoda Kodiaq: Sì
Toyota RAV4: NO
Volkswagen Tiguan Allspace: Sì

Trazione integrale

Honda CR-V: sì
Nissan X-Trail: sì
Peugeot 5008: no
Skoda Kodiaq: sì
Toyota RAV4: sì
Volkswagen Tiguan Allspace: sì

Prezzi

Honda CR-V: n.d
Nissan X-Trail: da 25.650 a 39.540 euro
Peugeot 5008: da 27.950 a 40.700 euro
Skoda Kodiaq: da 24.750 a 42.170 euro
Toyota RAV4: n.d.
Volkswagen Tiguan Allspace: da 39.500 a 51.150 euro

 

Fotogallery: Toyota RAV4 e le rivali