Nissan X-Trail 4Dogs, abbiamo provato la prima "auto per cani" [VIDEO]

Non bisogna essere un mago dei numeri e delle statistiche per afferrare i risvolti dello studio a cui si è ispirata Nissan, commissionato nel Regno Unito fra 1.360 proprietari di cani, disposti nella grandissima maggioranza dei casi (9 su 10) ad acquistare vetture con dotazioni specifiche per gli animali. Se a questo dato aggiungiamo il fatto che in Italia ben 7 milioni di famiglie posseggono un cane, allora si capisce perché la casa giapponese ha realizzato il prototipo X-Trail 4Dogs, basato sulla X-Trail, che anticipa soluzioni possibili da mettere in commercio per garantire qualche comodità ai padroni di un cane: ad esempio ci sono il doccino separato e l'asciugatore esterno. Noi lo abbiamo provato in esclusiva, avvalendoci di alcuni “collaudatori” d’eccezione, per capire se queste novità sono davvero utili o di prospettiva.


L’asciugatura dopo la pulizia con il doccino


La 4Dogs non cambia a livello esterno rispetto alle altre X-Trail. Tutte le novità sono raccolte nella zona del portellone e del bagagliaio, che misura sempre 445 litri, ma è rivestito in pelle ed è più facile da lavare o spazzolare. Al suo interno ci sono poi dei portaoggetti in cui nascondere il guinzaglio o dei giocattoli, una rampa a scomparsa per i cani meno agili e una ciotola disegnata per non ribaltarsi, oltre al sistema interno di asciugatura: le bocchette diffondono aria calda e asciugano il pelo dopo la pulizia con il do...