Il prossimo 16 ottobre il SUV compatto svedese verrà svelato in versione a emissioni zero

Era il febbraio 2018 quando Volvo annunciò che la sua attuale generazione di motori a combustione sarebbe stata l'ultima. Una mossa che rientra nell’intenzione della Casa svedese di virare con decisione verso l’elettrificazione. Il processo sta continuando inesorabile, con un downsizing dei propulsori che da 4 cilindri sono passati, per la prima volta sotto il cofano della XC40, a uno schema 3 cilindri con cilindrata ridotta. Ma il SUV compatto è destinato a passare alla storia per una diversa ragione: spetterà a lei infatti diventare la prima Volvo 100% elettrica.

Fotogallery: Volvo XC40, i teaser della versione elettrica

Appuntamento a ottobre

Un modello epocale pronto a debuttare il prossimo 16 ottobre e del quale la Casa ha iniziato a svelare alcuni dettagli, primo tra tutti quello riguardante la sistemazione delle batterie che, come già avviene su tanti altri modelli a emissioni zero, anche sulla Volvo XC40 EV saranno sotto il pavimento e protette da una speciale gabbia in alluminio estruso. Scelta che permette di non sacrificare lo spazio di carico e – soprattutto – di abbassare il baricentro rendendo più stabile e sicura l’auto.

E proprio la sicurezza è stata, come da tradizione per Volvo, al centro del lavoro degli ingegneri nello sviluppare la versione a emissioni zero del SUV compatto. Oltre alla batterie sistemate in basso c’è il motore elettrico posteriore integrato nella struttura della carrozzeria, così da consentire una migliore distribuzione delle forze in caso di incidente, evitando che possano interessare l’abitacolo. Il motore posteriore farà il paio con un altro propulsore abbinato all’asse anteriore, così da offrire la trazione integrale.

Zero emissioni, il pieno di tecnologia

La sicurezza della Volvo XC40 elettrica sarà garantita anche da nuovi e ancora più raffinati sistemi di assistenza alla guida, basati su radar, telecamere e sensori a ultrasuoni. A metterli in comunicazione l’uno con l’altro ci penserà nuovo software creato da Zenuity, ovvero la joint venture nata dalla collaborazione tra Volvo e Veoneer, azienda svedese specializzata in componentistica auto dedicata alla sicurezza.

Altre informazioni, come autonomia e prestazioni, non sono state rilasciate ma Volvo ha promesso che da qui al 16 ottobre arriveranno altre notizie sulla sua prima auto elettrica.

'

Fotogallery: Volvo XC40, i teaser della versione elettrica

Nascondi il comunicato stampaMostra il comunicato stampa

The fully electric XC40 SUV – Volvo’s first electric car and one of the safest on the road

The advance of electric cars constitutes the biggest change in the history of the automobile. For the first time in over a century, cars move without a petrol or diesel engine in the engine bay and have a battery in the floor, changing the car at its core.

 

With the introduction of the forthcoming fully electric Volvo XC40 SUV next month, Volvo Cars is not just launching its first fully electric car – in true Volvo tradition, it is also introducing one of the safest cars on the road, despite a fresh set of challenges presented by the absence of an internal combustion engine.

 

“Regardless of what drives a car forward, be it an electric machine or combustion engine, a Volvo must be safe,” says Malin Ekholm, head of safety at Volvo Cars. “The fully electric XC40 will be one of the safest cars we have ever built.”

 

While building on the excellent safety standards of the original XC40, Volvo Cars safety engineers had to completely redesign and reinforce the frontal structure to deal with the absence of an engine, meet Volvo Cars’ high safety requirements and help keep occupants as safe as in any other Volvo.

 

“The fundamentals around safety are the same for this car as for any other Volvo. People are inside, and the car needs to be designed to be safe for them,” says Malin Ekholm.

 

To help keep passengers safe and the battery intact in the event of a collision, Volvo Cars also developed a new and unique safety structure for passengers and battery alike in the XC40. The battery is protected by a safety cage which consists of a frame of extruded aluminum and has been embedded in the middle of the car’s body structure, creating a built-in crumple zone around the battery.

 

The battery’s placement in the floor of the car also has the benefit of lowering the center of gravity of the car, for better protection against roll-overs.

 

Meanwhile, the car’s body structure has not just been reinforced in the front, but also at the rear. Here, the electric powertrain has been integrated in the body structure to realise a better distribution of collision forces away from the cabin and reduce the strain on people inside the car.

 

In terms of active safety systems, the battery-powered XC40 also introduces new technology. It is the first Volvo model equipped with a new Advanced Driver Assistance Systems (ADAS) sensor platform with software developed by Zenuity, the joint venture company owned by Volvo Cars and Veoneer.

 

The new ADAS platform is a modern, scalable active safety system that consists of an array of radars, cameras and ultrasonic sensors. Because of its scalable nature it can easily be developed further and lays the foundation for the future introduction of autonomous drive technology.

 

Volvo Cars will reveal more details about the fully electric XC40 in the coming weeks, before it will be first shown to the public on October 16.