La quarta generazione della piccola giapponese nasce già elettrificata, più spaziosa e in versione Corsstar

La nuova Honda Jazz debutta al Salone di Tokyo 2019 con la voglia di confermare le cose buone delle tre generazioni precedenti e puntando sull’elettrificazione con l’inedita motorizzazione ibrida e:HEV.

Lo stile è cambiato molto, come si nota dal frontale e dai fari che caratterizzano l’aspetto della nuova Jazz; in più c’è uno spazio a bordo maggiore, nuovi ausili alla guida e una versione rialzata Crosstar che prima non c’era. L’inizio delle vendite in Europa è previsto per la metà del 2020.

Lo stile cambia tutto

Partendo dal design si può subito notare sulla nuova Honda Jazz una svolta verso il minimalismo stilistico, le linee di carrozzeria essenziali e una fiancata che scende in maniera molto verticale. Il montante anteriore è stato assottigliato rispetto alla generazione precedente, a tutto vantaggio della visibilità.

Fotogallery: Nuova Honda Jazz

Questo però non compromette la rigidità torsionale dell’auto che ha una struttura dove le forze d’urto si spostano verso i fari e gli altri montanti. Dietro spiccano i grandi gruppi ottici e lo spoiler sul lunotto.

Jazz Crosstar in stile crossover

Per la prima volta la nuova Honda Jazz è anche disponibile in versione Crosstar che strizza l’occhio al look dei crossover. La Jazz Crosstar, anch’essa ibrida, vanta una maggiore altezza da terra, una mascherina anteriore più grande e “classica”, barre longitudinali sul tetto e interni con tessuti impermeabili.

Nuova Honda Jazz

Solo ibrida e:HEV

A livello meccanico la Honda non svela ancora molto della motorizzazione ibrida, la e:HEV che è anche l’unica disponibile sulla segmento B nipponica. Le uniche indicazioni al riguardo parlano di “due motori in grado di garantire un mix straordinario di elevate prestazioni e consumi eccezionali”, un sistema sviluppato ex novo per Jazz che “offre una sensazione di guida fluida, reattiva e diretta”.

Nuova Honda Jazz

Serbatoio al centro per ottimizzare lo spazio

Come per le generazioni precedenti di Jazz, l’abbondante spazio a bordo e la versatilità di utilizzo sono elementi fondamentali. La nuova Honda Jazz ribadisce il concetto posizionando il serbatoio del carburante al centro della scocca, sotto i sedili anteriori; questo permette di avere i sedili posteriori pieghevoli o ribaltabili per ogni esigenza di carico.

Nuova Honda Jazz

Sedili più grandi e comodi

I sedili anteriori della Jazz 4 sono più larghi e con una diversa struttura interna “a tappetino” per migliorare il comfort, la plancia è ampia e minimalista come gli esterni e per la prima volta c’è un grande bracciolo centrale sulla console che ricorda i modelli di livello superiore. Alla ricerca della massima comodità sono stati aggiornati anche i sedili posteriori che hanno un’imbottitura più spessa.

Nuova Honda Jazz

Connessa allo smartphone, ma wireless

A livello di connettività la nuova Honda Jazz mette in campo l’hotspot Wi-Fi integrato, lo schermo a LED centrale touch con controlli a scorrimento tipo smartphone e l’integrazione, per la prima volta wireless, con Android Auto e Apple CarPlay.

Nuova Honda Jazz

Per gli ausili alla guida si segnala la versione più evoluta della tecnologia Honda Sensing con telecamera ad ampia visuale ed HD che riconosce la segnaletica stradale e l’ambiente attorno all’auto. La frenata automatica d’emergenza CBMS ha in più il funzionamento notturno per riconoscere pedoni e ciclisti, mentre il cruise control adattivo funziona anche a bassa velocità in coda in combinazione con il mantenimento corsia.