Prodotta in 2.200 unità, è l'arma definitiva per chi vuole divertirsi: ha il 3,0 turbo, due ruote motrici, cambio manuale o DCT

A partire da marzo 2020 saranno costruiti i 2.200 esemplari della BMW M2 CS Coupé, serie limitata ad altissime prestazioni che farà il suo debutto al prossimo Salone di Los Angeles, in programma dal 22 novembre.

La M2 CS deriva dalla nota M2 Competition, la versione più pepata della Serie 2 Coupé, ma è stata ulteriormente affinata per la guida sportiva e ha un aspetto ancora più grintoso, come testimoniano i cerchi forgiati di 19”, l’inedita presa di raffreddamento nel cofano anteriore e le parti della carrozzeria in CFRP, leggero materiale composito rinforzato con fibra di carbonio: sono in CFRP il cofano anteriore, il tetto, il “baffo” nel fascione anteriore, gli specchietti laterali e l’alettone e l’estrattore posteriori.

Fotogallery: BMW M2 CS

Meno peso, più potenza

Le parti in CFRP fanno calare il peso della M2 CS e avvicinano il baricentro al suolo, il tutto per offrire un’esperienza di guida ancora più adrenalinica e coinvolgente. A questo scopo concorre il motore sei cilindri in linea, lo stesso biturbo di 3.0 litri delle M2 Competition, M3 e M4 (è noto internamente con il codice S55): eroga 450 CV a 6.250 giri e 550 Nm fra 2.350 e 5.500 giri, ovvero 40 CV in più rispetto alla M2 Competition.

BMW M2 CS

Il “tremila” può raggiungere i 7.600 giri e adotta un sistema di scarico messo a punto appositamente per la M2 CS. Due le trasmissioni: quella manuale a 6 marce, dotata del sistema per facilitare le cambiate nella guida al limite, e l'automatica a doppia frizione DCT a 7 rapporti, abbinata alle palette al volante per cambiare marcia manualmente. Il guidatore può selezionare i programmi Efficient, Sport e Sport+ per rendere più o meno morbide le cambiate del DCT. La trazione è rigorosamente posteriore.

La velocità massima è di 280 km/h, l’accelerazione da 0 a 100 km/h di 4,0 secondi per la M2 CS con cambio DCT e di 4,2 secondi per la M2 CS con cambio manuale.

L'assetto è "su misura"

La BMW M2 CS è dotata di serie delle sospensioni regolabili, che il guidatore può impostare su diversi livelli di smorzamento: la modalità Comfort è per la guida di tutti i giorni, mentre le Sport e Sport+ sono per l’utilizzo in pista.

BMW M2 CS

Sono di serie anche il differenziale posteriore sportivo, che ripartisce la coppia al fine di evitare perdite di aderenza sull’asse posteriore, ed i freni maggiorati di 40 cm per le ruote anteriori e 38 cm per quelle posteriore, ma a richiesta ci sono i freni in materiale composito. All’interno sono presenti la consolle centrale in CFRP ed i sedili rivestiti in Alcantara, oltre al logo CS cucito sui poggiatesta posteriori.