Il primo SUV del marchio nacque in appena sei settimane

La BMW X5 è un'auto iconica e molto importante per la Casa di Monaco. È il primo SUV del marchio e anche il primo ad aprire la strada al segmento delle auto di lusso rialzate, che ha recentemente dimostrato di essere un mercato molto proficuo per i costruttori.

Dopo il debutto nel 1999, BMW ha già venduto oltre due milioni di unità del SAV o Sports Activity Vehicle, nome coniato dal marchio per evidenziare il lato prestazionale sia su strada che (all'inizio) in fuoristrada. Come ha fatto, dunque, il designer della prima X5 a realizzare il modello in questione?

Il dietro le quinte

Gli anni in qui nacque il progetto sono quelli in cui BMW possedeva Land Rover. La casa britannica ha avuto quindi una certa influenza sulla tecnologia della prima generazione di X5, ma la genesi resta prevalentemente bavarese.

Fotogallery: BMW X5 M Competition, la prova

Frank Stephenson, la stessa persona che ha progettato la moderna MINI Cooper e il famoso alettone della Ford Escort Cosworth, ci racconta nel suo ultimo video su YouTube come sono andate le cose, senza risparmiarci dettagli interessanti sul dietro le quinte.

Qualche curiosità

Ci sono, naturalmente, alcuni fatti degni di nota esposti da Stephenson nel suo video. Sembra infatti che lui e il suo team (guidato da Chris Bangle a quel tempo) avessero solo sei settimane per realizzare la X5.

E sei brevi settimane è stato il tempo impiegato dalla realizzazione del concept fino al prodotto di serie. Potrebbe sembrare incredibile, vero, ma potete ascoltare la testimonianza dello stesso Stephenson...