Il 1.5 eTSI mild hybrid si allarga ad altri allestimenti in gamma, e non mancano novità su comfort e sicurezza

A tre mesi dal debutto, la quarta generazione di Seat Leon riceve vari ritocco ai contenuti disponibili, sia in termini di dotazioni che di motorizzazioni, per entrambe le varianti: berlina e station wagon.

La novità più grande però, è che la nuova Leon accede agli incentivi statali fino a 3.500 euro, con tutti e tre i tipi di motorizzazione: benzina, diesel e mild hybrid. A questi si aggiungono il plug-in hybrid e il metano, disponibili a partire dalla seconda metà del 2020.

I motori incentivati

La principale novità inerente ai propulsori riguarda il mild hybrid a listino, conosciuto come 1.5 eTSI e dotato di cambio DSG, che ora diventa disponibile anche per l'allestimento intermedio Business e aumenta le possibilità di scelta per accedere agli incentivi statali, soprattutto per la Sportstourer.

Seat Leon FR (2020) im Test
Seat Leon FR (2020) im Test

Sì, perché ci sono delle differenze - dovute a peso e dimensioni - fra le due varianti berlina e station wagon, in termini di incentivi. Nel dettaglio, per la Leon a cinque porte hanno diritto al bonus questi motori:

  • 1.0 TSI 90 CV
  • 1.0 TSI 110 CV
  • 1.5 TSI 130 CV (solo in allestimento Style o Business)
  • 1.5 eTSI 150 CV DSG
  • 2.0 TDI 115 CV
  • 2.0 TDI 150 CV DSG

Per la variante station wagon ST, invece, le motorizzazioni che accedono al bonus sono:

  • 1.0 TSI 90 CV
  • 1.5 TSI 130 CV (solo in allestimento Style o Business)
  • 1.5 eTSI 150 CV DSG (solo in allestimento Business)
  • 2.0 TDI 150 CV DSG

Nuovi optional di comfort e sicurezza

Al di là delle motorizzazioni, gli aggiornamenti riguardano anche la sicurezza. E a questo proposito, va citata l'introduzione dell'airbag centrale su tutta la gamma Leon, portando il totale a quota sette airbag nella dotazione di serie.

Arrivano anche nuovi assistenti alla guida come il Pre Crash Assist (per tutte le versioni a 150 euro) e il Travel Assist, per gli allestimenti più ricchi FR ed Xcellence, a 890 euro.

Seat Leon FR (2020) im Test
Seat Leon FR (2020) im Test

Fra le novità di comfort c'è anche il Parking Heater - sistema di riscaldamento da remoto - disponibile per tutte le versioni a 950 euro, mentre il Dynamic Pack con controllo dinamico dell'assetto (DCC), sterzo progressivo e Sport HMI diventa disponibile anche per l'allestimento Xcellence, a 830 euro.

I sedili degli allestimenti più ricchi Xcellence ed FR ora possono essere rivestiti in microfibra dinamica, rispettivamente per 870 e 780 euro, o in pelle nera, in questo caso a 1.990 euro per la Xcellence e 1.900 per la FR.

In entrambi i casi la regolazione è elettrica, e il sistema è dotato di funzione memory per il sedile del conducente.

C'è poi l'allestimento Style ora disponibile anche col sistema Seat Full Link - con Apple CarPlay wireless - a 170 euro. Infine, arrivano tre nuovi set di cerchi in lega da 18" (due per la FR e uno per la Xcellence) e due nuove tonalità di grigio per la carrozzeria: l'Argento Urban e il Grigio Magnetico Opaco.

Fotogallery: Nuova Seat Leon 2020, le foto ufficiali