Il servizio in abbonamento sarà disponibile in America dal 2021, ma in Italia è illegale

Il tema degli autovelox e dei Tutor che rilevano e sanzionano gli eccessi di velocità è molto sentito in tutto il mondo perché se da una parte contribuisce a ridurre col suo effetto deterrente il numero di incidenti stradali, dall'altro resta un cruccio per gli automobilisti che si sentono a volte perseguitati o vessati dalle multe.

Ecco perché può sembrare a molti confortante la notizia che ci arriva dagli Stati Uniti: un servizio in abbonamento di BMW che oltre a segnalare le postazioni di rilevamento velocità rileva coi suoi sensori l'avvicinarsi di autovelox con tecnologia laser o radar.

Database + rilevatori radar e laser

La notizia, rilanciata da Automotive News, parla infatti di un nuovo servizio destinato ai clienti delle BMW che negli USA a partire dal 2021 potranno contare su questo nuovo abbonamento che unisce due tecnologie per "scovare" gli autovelox in anticipo.

Fotogallery: Nuova BMW M4 Coupé

L'abbonamento rientra nel pacchetto BMW ConnectedDrive ed è destinato ai modelli che utilizzano sia l'iDrive 7 che il Live Professional Cockpit. Il nuovo sistema sviluppato con Here Technologies e Cedar Electronics utilizza un grande database nazionale di telecamere fisse e mobili (anche ai semafori), da non confondere con quelli come Waze o Coyote che sono generati dagli utenti.

Qui in più c'è la novità di un sistema di rilevamento in tempo reale che attraverso i sensori di bordo scansiona continuamente la strada in cerca di radar o laser usati in alcuni tipi di autovelox, ma non tutti.

25 dollari per 15 mesi, ma non per l'Italia

L'abbonamento proposto da BMW in America sarà gratis per i primi tre mesi di prova e potrà poi essere prolungato pagando 25 dollari (circa 21 euro al cambio attuale) per un canone della durata di 15 mesi.

Per evitare di alimentare troppo facili entusiasmi fra gli automobilisti nostrani in cerca di questa sorta di assicurazione anti multa ricordiamo che in Italia, così come in Francia e in tanti altri Paesi, questi dispositivi "anti-autovelox" sono illegali, vietati dal Codice della Strada.

Autovelox mobile

La cosa migliore resta sempre quella di restare nei limiti di velocità imposti sulle strade e, se proprio si è colpevolmente distratti quando si guida, consultare almeno gli elenchi settimanali di autovelox e telelaser pubblicati dalla Polizia di Stato.