Vedere il ragazzo prodigio delle hypercar elettriche Mate Rimac in visita alla storica sede Bugatti di Molsheim è un po' come osservare un bimbo in un negozio di giocattoli. La sensazione di meraviglia, entusiasmo e grande aspettativa per il futuro della joint venture Bugatti-Rimac traspare chiaramente dalle parole del 33enne bosniaco-croato fondatore di Rimac Automobili al cospetto della grande tradizione della casa francese.

In un suo post e una storia su Instagram, Rimac rende omaggio ad alcuni dei modelli più iconici e rappresentativi della storia Bugatti, sedendosi al posto guida di una Veyron, ma senza dimenticare di fotografare capolavori assoluti: tra questi c'è la Chiron, la Bugatti Type 35 e la leggendaria Bugatti Type 41 Royale, una delle auto più lussuose e preziose di tutti i tempi.

"Qui sono nate alcune delle auto più belle del mondo"

Ma lasciamo spazio alle parole dello stesso Mate Rimac che parla della sua prima visita a Molsheim come una cosa che non dimenticherà mai, dicendosi anche onorato dalla calorosa accoglienza riservatagli dal team Bugatti.

"Questi luoghi, con l'Atelier, lo Château e gli altri edifici, tolgono il fiato e andrebbero visitati da ogni appassionato di auto. È il luogo dovo sono nate alcune delle auto più belle, potenti, eccitanti ed evolute degli ultimi 100 anni.

Un gruppo di 150 abili artigiani, tecnici e altri specialisti creano opere d'arte automobilistiche ed è stato un piacere incontrarli. Sono sicuro che ci sarà il tempo per parlare con ciascuno di loro."

Mate Rimac visita la sede Bugatti
Mate Rimac visita la sede Bugatti

"Responsabilità e onore"

Tra uno scatto e l'altro che include i dettagli, i motori, le finiture delle Bugatti storiche, ma anche le officine che conservano gli antichi strumenti di lavoro, Mate si concede anche un paio di foto a bordo di una rara Bugatti Veyron Grand Sport in nero e arancio. Davvero significativa è l'espressione di stupore e ammirazione che traspare dal volto di Rimac.

Mate Rimac visita la sede Bugatti
Mate Rimac visita la sede Bugatti

Particolarmente apprezzata e molto presente nelle foto del post di Mate Rimac è anche la Bugatti Type 41 Royale della collezione Bugatti, la Coupé de ville Binder con numero di telaio 41111 che il gruppo Volkswagen ha acquistato nel 1999 a un prezzo che attualizzato al 2021 dovrebbe essere vicino ai 30 milioni di dollari (25,2 milioni di euro).

Nel chiudere il suo post, Rimac aggiunge:

"È una grande responsabilità e un onore essere a capo del prossimo capitolo nella storia di questo marchio iconico e di questi luoghi. Con questa grande squadra distribuita tra Molsheim, Wolfsburg e la Croazia, sono sicuro che supereremo tutte le aspettative. I prossimi anni saranno davvero entusiasmanti!"

Ricordiamo che la joint venture Bugatti-Rimac prevede una quota azionaria del 55% a Rimac e il restante 45% a Porsche e nasce per lo sviluppo comune di tecnologie elettrificate da applicare ai prossimi modelli Bugatti e Rimac Automobili.

Mate Rimac visita la sede Bugatti

Fotogallery: Mate Rimac visita la sede Bugatti