Ad agosto 2021 le auto nuove immatricolate in Italia sono state appena 64.689 contro le 88.973 unità di agosto 2020 e un livello quasi uguale ad agosto 2019, in epoca pre Covid.

Questo si traduce in un pesante calo del 27,3%, a parità di incentivi in vigore in entrambi i mesi di quest'anno e dello scorso anno. Come sottolinea l'Unrae (Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri), il mercato dell'auto ha perso da inizio anno 260.000 immatricolazioni rispetto al 2019, vale a dire il 20% in meno di vetture vendute.

Per risolvere questa situazione, il presidente Unrae Michele Crisci, chiede al governo

"Un immediato rifinanziamento dell’Ecobonus per le fasce 0-20 e 21-60 g/Km CO2 attraverso un qualsiasi veicolo normativo disponibile in tempi brevi, oppure, in via emergenziale, un trasferimento parziale nell’Ecobonus delle risorse ferme nell’Extrabonus, facendo così ripartire immediatamente il meccanismo degli incentivi e rilanciando le vendite delle auto elettriche pure e ibride plug-in."

Dello stesso tenore è la dichiarazione di Paolo Scudieri, Presidente di Anfia (Associazione nazionale filiera industria automobilistica):

"Diventa quindi fondamentale accogliere in tempi rapidi la richiesta, avanzata da tempo da ANFIA, di estendere le tempistiche entro le quali i venditori sono tenuti a confermare l'operazione di vendita dei veicoli incentivati, così come quella di rifinanziare al più presto il fondo Ecobonus per l’acquisto di autovetture con emissioni da 0 a 60 g/km di CO2, il cui esaurimento, lo scorso 26 agosto, rende impossibile fruire di incentivi per l’acquisto di auto elettriche pure e ibride plug-in, essendo gli stanziamenti del DL Sostegni bis per il fondo complementare Extrabonus inutilizzabili."

Chi ha comprato l'auto nuova

Il mese appena chiuso ha visto un ulteriore calo della quota di mercato delle auto vendute ai privati (69%), così come quello di società (5%) e noleggio a lungo termine (15), con il noleggio a breve termine che risale al 3,2%.

Brilla invece il mercato delle auto usate, con 203.844 passaggi di proprietà al lordo delle minivolture che rappresentano un +30,9% sul 2020 e -13,8% sul 2019.

La struttura del mercato auto ad agosto 2021  

Le auto più richieste

A livello di alimentazioni si segnala ad agosto 2021 un sostanziale dimezzamento delle vendite di auto a benzina (-49,6%), di quelle diesel (-55,7%) e a metano (-40%), cali bilanciati dal +53,7% delle auto ibride, dal +96,1% delle ibride plug-in e dal +71,8% delle elettriche, sempre rispetto ad agosto 2020.

Per le carrozzerie continua il crollo di multispazio e station wagon che scendono di oltre il 50% sullo scorso anno, mentre fuoristrada e crossover contengono le perdite nell'ordine rispettivamente del -25,7% e -21,5%.

Il mercato per gruppi e marchi

Il gruppo Stellantis si conferma al primo posto in Italia nonostante un -36,1% ad agosto, seguito da gruppo Volkswagen che scende del 27,8% e da Renault al -22,8%. Per il gruppo italo francese risultano particolarmente pesanti i cali di Alfa Romeo (-64,4%), Citroen (-60,3%) e Opel (-59,7%), mentre Lancia resiste al -9,1%.

Le immatricolazione di agosto 2021 per gruppi e marchi  

Leggermente migliori della media di mercato sono invece i risultati di gruppo Toyota (-6,0%), Suzuki (-6,1%) e BMW (-14,9%). Unica in controtendenza e in territorio positivo è Kia che fa segnare un bel +13,0%.