Un nuovo servizio di assistenza per recuperare le Ford rubate. Con questa funzione si ampliano le possibilità di FordPass, l’applicazione disponibile per i modelli dell’Ovale Blu. L’Assistenza connessa in caso di furto sarà disponibile inizialmente solo su Mustang Mach-E GT, ma l’idea della Casa è di renderla accessibile a sempre più modelli.

Come funziona l’assistenza in caso di furto

L’app utilizza i sensori dell’auto per avvisare di un eventuale tentativo di furto dando così maggiori possibilità alle forze dell’ordine di rintracciare l’auto.

Oltre all’avviso, l’applicazione guida l’utente attraverso il processo di segnalazione alla polizia e fornisce un supporto su chiamata 24 ore su 24, compresa la localizzazione del veicolo. Il call center dedicato può anche attivare da remoto la “modalità furto” per disattivare alcune funzioni del veicolo e rendere più efficiente il recupero del veicolo.

Il servizio è certificato in base al livello di sicurezza Thatcham S7 degli antifurti connessi di nuova generazione.

Nuove funzionalità in arrivo nel 2022

Dopo il debutto sulla Mustang Mach-E GT, la funzionalità fa parte del pacchetto di abbonamento Ford Secure 1 che verrà fornito gratuitamente per un periodo di prova sui veicoli compatibili. Il servizio è già attivo nel Regno Unito e in Irlanda e verrà esteso ad altri Paesi europei (tra cui l’Italia) nel corso del 2022.

Sempre nei prossimi mesi, l’Assistenza connessa in caso di furto verrà arricchita da altre funzioni. È pronto al debutto, infatti, l’Avviso di Posizione grazie a cui l’utente può creare delle aree predefinite e ricevere delle notifiche se il veicolo lascia queste zone. Ford prevede anche l’introduzione degli Avvisi di Vicinato, ossia notifiche provenienti da altri veicoli protetti da SecuriAlert presenti nella stessa zona.

Fotogallery: Ford Mustang Mach-e GT Europe

Foto di: Redazione