Ogni opportunità di vendere più auto è sempre la benvenuta. In un'industria sempre più consolidata e globalizzata, i produttori di automobili devono trovare nuovi modi per mantenere in funzione i loro impianti. La scelta migliore di tutte, almeno negli ultimi 15 anni, è stato il SUV, o Sport Utility Vehicle. Il boom è risultato tale che ha riconfigurato la gamma delle marche, fino a diventare la maggior parte delle vendite di molte di loro.

Tutti vogliono un SUV

Il cambiamento di priorità nello sviluppo di nuove auto è uno degli effetti della moda SUV. All'inizio del secolo, questi veicoli non comparivano nelle classifiche, poiché la maggior parte dei consumatori optava per le hatchback e le wagon, in Europa, e le sedan negli Stati Uniti e in Cina.

Nel 2001, gli acquirenti di SUV hanno rappresentato quasi l'11% delle vendite complessive di veicoli commerciali leggeri e passeggeri. Tale percentuale è salita al 13% nel 2010, al 25% nel 2015 e al 37% lo scorso anno. Fino a ottobre di quest'anno, quando la quota di SUV stimata è arrivata al 41%.

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

Questa rapida crescita ha significato un cambiamento radicale in ciò che i consumatori trovano nelle concessionarie. Tutto, dalla progettazione del prodotto fino alla pubblicità, ruota intorno ai SUV o crossover, indipendentemente dal pedigree del marchio o dal suo posizionamento. È la risposta all'idea diffusa che questi veicoli sono più sicuri per effetto della posizione di guida più alta. Sono più comodi quando si entra e si esce, soprattutto per gli anziani, e sono più "cool" per i loro design aggressivi e le loro presunte capacità in terreni più accidentati.

La SUV-mania coinvolge sempre di più le Case premium

Il lusso è già sinonimo di SUV

Non stupisce, quindi, che la maggior parte delle auto di lusso oggi sia rappresentata da SUV, che nel 2020 toccavano il 54% delle vendite complessive di veicoli premium e di lusso. Mentre le carrozzerie tradizionali (berlina, wagon, hatchback) erano pari al 43% del totale. Il resto corrispondeva alle poche monovolume disponibili (MPV) e alle auto sportive.

Mercedes-Benz, il marchio premium più popolare nel 2020, ha registrato cadute a doppia cifra in tutti i suoi segmenti, tranne nei SUV, la cui domanda è cresciuta del 12% rispetto al 2019. Tuttavia, le berline, le hatchback e le wagon rimangono le carrozzerie più vendute delle tre premium tedesche.

Non è un caso isolato anche tra i marchi premium di dimensione media e piccola in termini di vendita. Per esempio, riguardo a Lexus, il quarto marchio premium più venduto al mondo, il 65% delle consegne nel 2020 era rappresentato da SUV. E c'è da aspettarsi un ulteriore incremento, considerando l'evoluzione dei suoi SUV (UX, NX, GX, RX e LX) a scapito delle berline (la GS non è più prodotta e la IS non è più venduta in Europa) e delle hatchback (la CT è uscita di produzione senza successore).

Il peso dei SUV è ancora maggiore in altre marche che storicamente sono note per le loro berline e wagon. Nel 2020, Volvo aveva a disposizione quattro modelli tradizionali (due berline e due wagon) e solo tre SUV, ma nelle vendite questi ultimi rappresentavano il 71% del totale. È la stessa percentuale di SUV di Cadillac e simile a quella di Infiniti (73%) e Acura (76%).

La febbre SUV non è stata estranea alle marche di lusso. Oggi, Lamborghini vende più Urus che Aventador e Huracan insieme. Il 51% delle vendite di Rolls-Royce nel 2020 corrispondeva al SUV Cullinan, mentre la Levante di Maserati vale il 56% delle immatricolazioni del brand. Succederà la stessa cosa alla Ferrari con la sua Purosangue?

La SUV-mania coinvolge sempre di più le Case premium

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.