Il marchio Lancia non è ricordato soltanto per l'eleganza delle sue auto o per i risultati ottenuti nelle competizioni, ma anche per aver portato numerose innovazioni tecniche in diversi momenti storici, iniziando dagli Anni '20 e dalla celeberrima Lancia Lambda.

Quest'ultima oltre alla carrozzeria a scocca portante, alle sospensioni anteriori a ruote indipendenti e ai freni sulle ruote anteriori, si distingueva anche per l'originale motore 4 cilindri a “V stretta”: una soluzione introdotta nel 1922 e utilizzata fino al 1976.

Due file di cilindri sfalsate

La storia del 4 cilindri a "V stretta" di Lancia, a dire il vero, non nasce per applicazioni automobilistiche: questa innovativa architettura, infatti, è stata sviluppata dalla Casa torinese già dal 1915 per i motori aeronautici che richiedevano una struttura dalle dimensioni più compatte per essere montati in fusoliere strette. I vantaggi in termini di ingombri e performance hanno spinto Lancia ad adottarlo anche sulle automobili, iniziando dalla Lambda dal 1922.

Lancia, i motori 4 cilindri a
Lancia Fulvia Coupé, trasparenza

 I 4 cilindri erano organizzati su 2 file sfalsate con un angolo tra i 10° e i 20°, in base al modello a cui erano destinate, me racchiusi in un singolo blocco e con una singola testata.  Questa configurazione garantiva una riduzione concreta degli ingombri, sia in lunghezza sia in larghezza rispetto ai motori a V e a quelli in linea, e consentiva di concentrare il peso spostare il peso verso la parte centrale del veicolo, rendendo l'avantreno più agile. 

Le prime versioni

Come abbiamo detto in precedenza, il primo 4 cilindri a "V stretta" ha equipaggiato la Lancia Lambda, tra il 1922 e il 1931: aveva un angolo tra le coppie di cilindri di 14° ed era proposto in 3 cilindrate differenti: 2.120, 2.374 e 2.568 cc con potenze rispettivamente di 48, 58 e 68 CV. Condividevano la distribuzione monoalbero e la corsa dei pistoni di 120 mm, mentre a variare era l'alesaggio che passava da 75 a 79,37 a 82,55 mm. 

Lancia, i motori 4 cilindri a
Lancia Lambda

Successivamente, sulla Lancia Artena ne è stata proposta una versione da 1,9 litri che riprendeva l'alesaggio del 2.6 della Lambda ma che disponeva di una corsa ridotta a 90 mm. La potenza in questo caso era di 54 CV a 4.000 giri. La prima vera rivoluzione del 4 cilindri a "V stretta" è però datata 1934 ed è arrivata con la Lancia Augusta, spinta da un V4 a 18° da 1,2 litri (alesaggio 69,85 mm x corsa 78 mm) e 35 CV.

Lancia Appia
Lancia Appia

A queste prime versioni si sono aggiunte  aggiungevano quella da 1,4 litri offerto sulla Lancia Aprilia, quello da appena 903 cc e 28 CV della piccola Ardea e, nel 1953, quello della Appia, con angolo di 10°, cilindrata di 1,1 litri e potenze comprese tra 37 e 47 CV.

Il 4 cilindri a "V stretta" della Lancia Fulvia

L'ultima serie dei motori a "V stretta" è stata progettata da Ettore Zaccone Mina e utilizzata fino al 1976 sulla Lancia Fulvia. Questo motore, con angolo di circa 13° tra file di cilindri e cubatura di 1,1 litri, si caratterizzava anche per la corsa corta (alesaggio 72 mm × corsa 67 mm) e la distribuzione con un albero a camme per le valvole in aspirazione e uno per le valvole di scarico.

Lancia, i motori 4 cilindri a
Lancia Fulvia Coupé

Questo motore veniva montato  in posizione inclinata di 45°, una soluzione che consentiva di abbassare ulteriormente il baricentro della vettura. Le dimensioni compatte, inoltre, miglioravano le prestazioni dinamiche della Fulvia, come confermano i risultati ottenuti nei rally dalla leggendaria Fulvia Coupé HF, equipaggiata con un propulsore da 1,6 litri (alesaggio 82 mm x corsa 75 mm) con angolo tra i cilindri di 11° e una potenza massima di 130 CV.

La loro epopea è terminata nel '76 con l'uscita di scena della Fulvia Coupé, ma non troppi anni dopo, Volkswagen ha ripreso l'idea per realizzare una serie di motori a 6 e 5 cilindri noti come VR6 e VR5 introdotti su Golf e Corrado nei primi Anni '90. Da questo concetto sono poi stati sviluppati anche i celebri motori a W come quello che tuttora equipaggia la Bugatti Chiron.

Motore Potenza Modelli
2.120 cc 48 CV Lancia Lambda serie I-VI 1922-26
2.374 cc 58 CV  Lancia Lambda serie VII 1926-28
2.568 cc 68 CV Lancia Lambda serie VIII-IX 1928-32
1.927 cc 54 CV Lancia Artena 1931-1942
1.196 cc 35 CV Lancia Augusta  1933-1936
1.352 cc 46 CV Lancia Aprilia 1937-39
1.486 cc 47 CV Lancia Aprilia 1939-49
903 cc 28 CV Lancia Ardea  939-53
1.090 cc da 37 a 47 CV Lancia Appia 1953-63
1.091 cc da 58 a 70 CV Lancia Fulvia 1963-72
1.216-1.231 cc da 79 a 80 CV Lancia Fulvia, Fulvia Coupé 1967-1970
1.298 da 87 a101 CV Lancia Fulvia GTE e Coupé HF 1968-76
1.584 cc 130 CV Lancia Fulvia Coupé HF 1968-76

Fotogallery: Foto - Lancia, i motori 4 cilindri a "V stretta"