Nella ricerca aerodinamica e aeroacustica l'Italia è in prima linea. A Grugliasco, vicino a Torino, si trova la Galleria del Vento Pininfarina che festeggia l'onorevole traguardo dei 50 anni di attività. Venne inaugurata nel 1972 dall’allora Presidente Sergio Pininfarina ed era la prima galleria del vento nel nostro Paese ed una delle soltanto sette presenti nel mondo.

Ancora oggi effettua test su vetture in scala 1:1, ma nel tempo si è dimostrata uno strumento efficace per testare e sviluppare molti altri prodotti, come velivoli, treni ad alta velocità, yacht... persino edifici, infrastrutture di ingegneria eolica, design industriale e attrezzature sportive.

A dimostrazione che il progresso non si ferma mai, proprio oggi, in occasione di questo anniversario, la Galleria del Vento Pininfarina - che vanta anche un nuovo logo realizzato appositamente per i suoi primi 50 anni - ospita la tavola rotonda dal titolo “Aerodinamica e sostenibilità, dalle auto elettriche agli edifici".

Sempre orientata al domani

La Galleria del Vento è da sempre uno strumento strategico nel settore auto e l'avvento della mobilità elettrica ha introdotto nuove sfide nel campo dello sviluppo aerodinamico e aeroacustico. Quella di Pininfarina è una delle poche gallerie del vento al mondo ad avere un sistema di generazione di turbolenza (TGS) che crea diverse condizioni di turbolenza controllata, associate a raffiche di vento, manovre di sorpasso, vento laterale e auto in scia. Il sistema di simulazione dell’effetto suolo, invece, permette di riprodurre più fedelmente le reali condizioni di movimento del veicolo.

Foto - Test aerodinamico sulla Automobili Pininfarina Battista

"La Galleria del Vento ha dato alla nostra azienda un vantaggio competitivo considerevole essendo l’unica società di design ad esserne dotata", ha detto AD Silvio Angori. Il Presidente Paolo Pininfarina ha invece ricordato che "tutto è iniziato con il nonno Pinin, il cui intuito visionario nell’aerodinamica è esemplificato sin dalla Lancia Aprilia Aerodinamica prodotta nel 1936". Queste le parole di Battista Pinin Farina:

"Andando in montagna in inverno ho visto l’azione del vento che aveva scavato forme curve o nitide nella neve sul ciglio della strada. Un evento ventoso plasma la forma degli alberi. Volevo semplicemente copiare quelle linee…".

Una breve ripasso di storia

I 50 anni di storia della Galleria del Vento Pininfarina sono difficili da riassumere in poche parole, ma cercheremo di essere sintetici. Com'è noto Battista Pinin Farina fondò la società nel 1930 e due modelli in particolare vantavano già un'eccellente aerodinamica: parliamo della coupé Lancia Aprilia Aerodinamica (coefficiente aerodinamico pari a 0,47) e della Cisitalia (0,37).

Nel 1972 la Galleria del Vento venne inaugurata soprattutto allo scopo di aumentare le prestazioni delle vetture (complice lo stretto legame con Ferrari), ma poi, vista anche la crisi energetica del 1973, servì a studiare l'aerodinamica in modo che potesse contribuire a ridurre i consumi.

Tra le vetture più famose studiate qui ci sono le Ferrari per la Formula 1, i modelli Lancia Montecarlo Gruppo 5, le vetture vincitrici del Campionato del mondo per vetture turismo del 1979, del 1980 e del 1981 e la Lancia Rally, ma la Galleria ha ospitato molti altri test e di recente ha anche raccolto dati utili alle università per progettare eliche di velivoli per ottenere risparmi energetici e prestazioni acustiche migliori.

Qui invece potete vedere il test aerodinamico condotto sulla Automobili Pininfarina Battista.

Fotogallery: Foto - Test aerodinamico sulla Automobili Pininfarina Battista