Goodyear sta per tornare sulla Luna. L'azienda fornirà pneumatici senza aria al rover lunare del Programma Artemis, che mira a riportare l'uomo sulla Luna (e poi da lì progettare il viaggio su Marte). Come sappiamo Goodyear sta già lavorando al pneumatico senza aria per le auto, ma in laboratorio i banchi di prova riproducono pure il suolo lunare. Il progetto finale, infatti, deve essere in grado di funzionare per anni sulla dura superficie del nostro satellite, dove ci sono molti crateri. Inoltre, le temperature possono variare da circa -121 gradi Celsius a più di 121 gradi di giorno.

"Tutto ciò che abbiamo imparato producendo pneumatici per l'ambiente operativo estremamente difficile della Luna ci aiuterà a realizzare pneumatici airless migliori sulla Terra", ha dichiarato Chris Helsel, vicepresidente senior delle operazioni globali e chief technology officer di Goodyear.

Ve lo ricordate?

Goodyear ha già contribuito alla missione Apollo 11 nel 1969. Ha fornito componenti come il telaio del finestrino del modulo di comando, il pannello che contiene gli strumenti e le sacche di galleggiamento per la capsula per sostenere la caduta della capsula nell'oceano. I Lunar Rover hanno fatto parte del viaggio sulla Luna durante le missioni Apollo 15, Apollo 16 e Apollo 17. Si spostavano solo a pochi chilometri di distanza dal sito di atterraggio, ma fornivano agli astronauti un modo più veloce per spostarsi.

In confronto, il nuovo rover di Lockheed Martin e General Motors dovrebbe viaggiare molto più lontano e durante diversi anni. Lockheed intende commercializzare questo veicolo vendendolo a società commerciali e ad altre agenzie spaziali che vogliono viaggiare sulla Luna.

L'uomo torna sulla Luna

Finora abbiamo visto il progetto di GM per il Lunar Terrain Vehicle solo nei rendering che mostrano un veicolo dal design semplice. C'è spazio per due persone e un ampio letto di carico nella parte posteriore.

Oltre al controllo umano, il rover sarà in grado di operare autonomamente per prelevare astronauti o per andare dove le persone avranno bisogno del mezzo.

Ci vorranno ancora molti anni prima che il Programma Artemis riporti l'uomo sulla Luna, perché il piano prevede di iniziare con test senza equipaggio e di arrivare gradualmente a portare le persone sulla superficie lunare. SpaceX sta sviluppando il lander per questa impresa, che promette molto al genere umano.