Un motore Toyota in una Lamborghini? Succede negli Stati Uniti, nell’officina del tuner Street Aero. La protagonista è un esemplare di Gallardo che è stato completamente “denudato” e trasformato in un mostro da 1.100 CV.

Il video del canale YouTube Supercar Suspects ci permette di vedere da vicino tutti i segreti di questo stranissimo Frankenstein visto per la prima volta al SEMA 2021.

Un trapianto di motore problematico

Nei 10 minuti di video, i progettisti spiegano, dettaglio per dettaglio, l’incredibile Lamborghini ricordando tutti i numerosi passaggi che sono stati necessari per il cosiddetto “engine swap”.

L’officina, infatti, è partita con l’idea di mettere da parte il V10 originale e d’installare un motore 2JZ proveniente dalle Toyota più performanti degli Anni ’90. Per intenderci, questo propulsore a sei cilindri è stato impiegato sulla Supra e le sue particolari caratteristiche lo rendono estremamente versatile e “potenziabile”.

Per ospitare il nuovo motore e installare le numerose modifiche (tra cui un impianto di scarico ad hoc e un immenso turbo), i meccanici hanno dovuto allungare il telaio della Lamborghini e rimuovere interamente cofano e pannelli laterali.

L’abitacolo è completamente spoglio, con placche metalliche e un roll bar che fanno sembrare l’auto una sorta di concept non terminato. Il look complessivamente minimalista, però, è voluto, dato che si è cercato di ridurre al minimo il peso dell’auto.

Nel corso dei due anni di lavori non sono mancati i problemi. Oltre a dover ricostruire il motore per ben tre volte, i progettisti hanno ammesso di aver speso otto volte il budget inizialmente fissato.

Alla fine, però, sembra che tutti i sacrifici siano stati ripagati. Secondo i suoi ideatori, questa stramba Lamborghini con look à la Mad Max “si guida come un go-kart” e ha fatto registrare 1.100 CV alla prova dei rulli. Aspettiamo, però, di vedere la Gallardo in pista o su strada per scoprire le sue reali potenzialità.