A tre anni dal debutto, la BMW Z4 riceve un corposo aggiornamento. Al contrario dei classici restyling che si concentrano principalmente su estetica e motori, la “scoperta” bavarese punta su un equipaggiamento ancora più completo e su una semplificazione della gamma.

Congedati gli allestimenti Advantage e Sport Line, la Z4 è disponibile unicamente col pacchetto M Sport di serie per tutti i modelli.

Spirito da "M"

Anche se riguardano dettagli minimi, le modifiche estetiche sono ben presenti sulla BMW Z4. Ad esempio, i modelli 2022 si riconoscono per il motivo diverso e più elaborato della calandra, mentre le minigonne hanno un design leggermente diverso dalla roadster precedente. La Casa ha rivisto anche le prese d’aria laterali e i cerchi in lega da 18” e 19”, i quali presentano un look inedito.

BMW Z4 (2023)
BMW Z4 (2023)

Rinnovato anche il catalogo delle tinte con le aggiunte delle colorazioni Thundernight metallic, Portimao Blue metallic e Skyscraper Gray metallic. A questi colori si aggiungono i confermati nero, rosso, grigio e l’opaco Frozen Gray metallic, mentre la capote si può richiedere in color antracite o nera.

Sempre a proposito di stile, la Z4 può essere equipaggiata anche col pacchetto M Shadow Line, con inserti nero lucido intorno ai fari e vicino alle prese d’aria.

BMW Z4 (2023)
BMW Z4 (2023)

Nessun cambiamento radicale per gli interni, i quali conservano rivestimenti e tecnologia del modello pre-restyling. I sedili sportivi in pelle sono disponibili nelle colorazioni nera, bianco avorio, rosso magma e nell’abitacolo non mancano numerosi inserti in alcantara con cuciture blu a contrasto. La strumentazione BMW Live Cockpit Professional è sempre costituita da un quadro digitale e dal display dell’infotainment, entrambi da 10,25”.

Tra i sistemi di assistenza alla guida troviamo la frenata automatica d’emergenza, l’avviso di mantenimento di corsia e il riconoscimento dei segnali stradali. Su richiesta si possono aggiungere il cruise control adattativo con funzione Stop&Go, l’avviso anticollisione posteriore e il Parking Assistant.

Fino a 340 CV con la M40i

Non ci sono novità per le motorizzazioni. Disponibile esclusivamente a trazione posteriore, la gamma della BMW Z4 si compone sempre della sDrive 20i, sDrive 30i e della cattivissima M40i.

Le prime due versioni utilizzano un 2 litri turbo con potenze rispettive di 197 e 258 CV, con la 20i che può essere equipaggiata anche con un cambio manuale a 6 rapporti. Sia la 30i che la M40i da 340 CV (0-100 km/n in 4,5 secondi), invece, sono abbinate esclusivamente ad un automatico a 8 rapporti.

BMW Z4 (2023)
BMW Z4 (2023)
BMW Z4 (2023)

La 30i ha di serie le sospensioni e l’impianto frenante M Sport con pinze blu o rosse, mentre solo la M40i mette a disposizione gli ammortizzatori Adaptive M a controllo elettronico. Inoltre, nella dotazione di serie del modello top di gamma è presente il differenziale posteriore M Sport, il quale è disponibile come optional sulla 30i.

Il lancio sul mercato della scoperta di BMW è previsto a novembre 2022. I prezzi ufficiali devono ancora essere annunciati.

Fotogallery: BMW Z4 (2022)