Di ammiraglie elettriche ormai iniziano a vedersene non poche nei listini dei vari costruttori europei. Berline di lusso con lunghezze oltre i 5 metri a viaggiare sempre emissioni zero, con un'infarcitura di tecnologia da prime della classe. I nomi sono sempre quelli dei brand premium tedeschi, ai quali si aggiunge ora la NIO ET7, berlinona della Casa cinese che dopo aver debuttato in patria a inizio 2021 arriva anche in Europa.

Uno che inizierà nei paesi dove le auto elettriche hanno mercato, e infrastrutture, già sviluppati e che vedrà l'Italia come fanalino di coda: da noi infatti l'ammiraglia NIO arriverà nel corso del 2024, con prezzi ancora da definire.

Berlina filante

Lunga 5,1 metri, larga 1,97, alta 1,5 e con passo di 3 la NIO ET7 si posiziona in un segmento che conta nomi come Audi e-tron GT (4,98 metri), BMW i7 (5,3 metri), Tesla Model S (5,02 metri) e Mercedes EQS (5,12), l'iperuranio del lusso applicato all'elettrico. E lo fa con linee molto morbide e filanti, caratterizzate da un aspetto che abbraccia una filosofia minimal, in linea con gli altri modelli più recenti della Casa.

NIO ET7

Luci anteriori e posteriori particolarmente sottili, maniglie a scomparsa, poche nervature e una coda sfuggente, con giusto un accenno di terzo volume. Non una berlina coupé, ma nemmeno una classica 3 volumi.

A caratterizzarne gli esterni ci pensa la parte anteriore del tetto, dove è alloggiato il nuovo Lidar per la guida assistita e autonoma. Un sistema che, assieme ad altri 32 sensori di vario tipo (come telecamere e radar) scandaglia costantemente la strada. La posizione rialzata ha rappresentato un'opportunità (frontale più "pulito" e maggio controllo di ciò che c'è intorno all'auto) ma anche delle sfide. Prima di tutto l'aerodinamica.

NIO ET7
NIO ET7

Una protuberanza simile infatti può inficiare non poco sull'efficienza di un'auto, ma grazie alla modellazione della cover che ricopre il Lidar la NIO ET7 si porta a casa un cx di 0,208, il secondo miglior risultato al mondo per un'auto di produzione. Un'altra sfida ha riguardato il surriscaldamento da raggi solari, risolto con una particolare pellicola protettiva.

Berlina (super) tecnologica

Abituati ai (vecchi) luoghi comuni che vogliono le auto cinesi nettamente più scarse e pacchiane rispetto alle concorrenti europee per quanto riguarda l'arredamento interno, la NIO ET7 ribalta definitivamente i giudizi con un abitacolo che - come l'esterno - è all'insegna del minimal ma che non rinuncia alle tecnologie più moderne.

NIO ET7

Head-up display da 8,8", strumentazione digitale da 10,25, display centrale Amoled da 12,8" e un altro ben più piccolo a uso e consumo dei passeggeri posteriori, per regolare l'aria condizionata. E poi Nomi, l'assistente vocale evoluto di NIO, il cui "volto" sorge - sotto forma di piccolo schermo circolare - sulla sommità della plancia. Arredamento in tutto e per tutto sovrapponibile a quello del SUV EL7 (anch'esso al debutto in Europa), con materiali ricercati come il legno o 100% ecologici come il tessuto ricavato dalla lavorazione di chicchi di caffé.

NIO ET7

Quasi inutile fare l'elenco delle dotazioni: c'è praticamente tutto, dallo ionizzatore d'aria con filtri per PM 2.5 a innumerevoli prese USB, passando per sedili ventilati, riscaldati e massaggianti, impianto audio da 1.000 Watt, aggiornamenti over the air per il sistema di infotainment e tanto altro.

Anche per quanto riguarda gli assistenti alla guida la ET7 offre di tutto di più, con cruise control adattivo, mantenitore attivo della corsia, riconoscimento segnaletica stradale, parcheggio automatico, frenata d'emergenza e così via.

Il nostro video

Due motori, due tipi di batterie

Dal SUV EL7 la ET7 riprende anche la meccanica, vale a dire la seconda generazione della piattaforma NIO e la trazione integrale data da due motori (uno per asse). A magneti permanenti da 180 kW all'anteriore e a induzione da 300 kW al posteriore, per una potenza complessiva di 480 kW (652 cavalli) e coppia di 850 Nm. Le prestazioni sono da sportiva vera: 3,8" per passare da 0 a 100 km/h mentre la velocità massima è limitata elettronicamente, per salvaguardare le batterie, a 200 km/h.

NIO ET7

A proposito di batterie si può scegliere tra 2 tagli: 75 0 100 kWh per autonomie rispettivamente pari a 445 e 580 km, calcolati secondo lo standard WLTP. La potenza massima di ricarica è di 130 kW, per passare dal 10 all'80% della capacità in 30 minuti per quelle da 75 kW e 40 se si opta per quelle da 100 kW.

Una meccanica creata in casa basata su un assetto adattivo con sospensioni anteriori a 5 bracci e multilink al posteriore e su freni marchiati Brembo, con pinze anteriori a 4 pistoncini.

Anche senza ricarica

La grande rivoluzione di NIO sta nel del battery swap, ovvero la possibilità - entrando in strutture dedicate - di cambiare al volo le batterie scariche montandone di cariche, abbattendo i tempi di attesa, che scendono ad appena 5 minuti.

NIO ET7

Una filosofia chiamata "battery as a service" che permette anche di abbassare sensibilmente il prezzo di acquisto, sottoscrivendo poi un abbonamento mensile per beneficiare del servizio. Attualmente le stazioni di battery swap sono 1.154 in Cina e nel corso del 2022 ne sono state installate 2 in Germania, alle quali si somma quella già presente in Norvegia.

La NIO ET7 arriverà prima di tutto in Germania, Olanda, Svezia e Danimarca rispettivamente al prezzo mensile di 1.199 euro, 1.299 euro, 1.278 euro e 1.079,10 euro, con batteria da 75 kWh e durata del leasing di 36 mesi.

Fotogallery: NIO ET7