Parliamo sempre più spesso di auto elettriche a basso costo ovvero a meno di 25.000 euro. Lo facciamo perché diversi produttori globali stanno rivelando piani prodotto che hanno questo obiettivo.

Tra questi c'è anche Nissan, il cui amministratore delegato Makoto Uchida, nel corso di una tavola rotonda tenuta durante il Japan Mobility Show, ha spiegato che lo sviluppo di auto più piccole a zero emissioni procede spedito.

La nuova Sakura

Uno dei primi esempi di auto elettrica compatta secondo Nissan è la Sakura, una piccola kei car presentata nel corso del 2023 e dotata di un abitacolo spazioso, nonché di forme molto ridotte per muoversi bene in città.

Nel mercato giapponese, lo stesso Uchida ha spiegato che prodotti come questa piccola auto contribuiranno a democratizzare il trasporto elettrificato. Il ceo ha affermato però che proprio grazie a questo concetto di auto sconosciuto nel resto del mondo "in Giappone possiamo fare molto di più [per incoraggiare, ndr] l'adozione dei veicoli elettrici".

L'amministratore delegato non è sceso nei dettagli riguardo una possibile esportazione globale della piccola utilitaria, rispondendo alla domanda su come la casa intende procedere spiegando semplicemente che l'azienda ha un piano ben preciso in mente.

Nissan Sakura 2023

Nissan Sakura 2023, la piattaforma

Il prezzo sta scendendo velocemente

Sempre nel corso del suo intervento, lo stesso ceo ha dichiarato che Nissan ha visto nell'ultimo periodo che il costo produttivo e di acquisto dei veicoli elettrici sta scendendo più di quanto ci si potesse aspettare e che le auto a zero emissioni a prezzi ridotti arriveranno sul mercato più velocemente del preventivato.

Uchida ha quindi concluso il suo intervento rispondendo all'ultima domanda riguardante la velocità di commercializzazione di queste nuove auto, chiedendo di aspettare "finché non saremo pronti a fare un annuncio".

Fotogallery: Nissan Sakura