Ricordate la De Tomaso Pantera? Era un'affascinante combinazione di design italiano e potenza americana, grazie al suo motore V8 centrale di origine Ford (per l'esattezza un V8 Cleveland da 5,8 litri abbinato ad un cambio manuale a cinque marce).

L'esemplare del 1972 protagonista di questo video è rimasto in un garage americano per decenni e ora, dopo il ritrovamento, è in fase di restauro.

Dentro è come nuova

Il proprietario di questa Pantera ha ereditato l'auto dal padre, insieme a un'impressionante collezione di auto sportive britanniche, tra cui diverse Sunbeam Tiger e Lotus Elan. Come si vede nel video l'auto è ricoperta da un grosso strato di polvere ma la carrozzeria è in buone condizioni e gli interni addirittura sembrano immacolati (c'è persino un lettore a 8 tracce).

Gli unici problemi significativi, almeno a giudicare dalle immagini, riguardano i tubi del liquido di raffreddamento e poi, naturalmente, ci sono alcune parti usurate, visto che per 46 anni è stata ferma.

La Pantera, montata sugli appositi carrelli, esce dal fienile per dirigersi in un'officina ed essere sollevata per un'adeguata ispezione del sottoscocca. Qui ogni componente è ancora originale e non ci sono molti segni di ruggine. Bisognerà però sostituire tutte le parti in gomma.

Il legame con l'America

Questo ritrovamento è l'occasione per ricordare che la Pantera fu venduta negli USA attraverso i concessionari Lincoln-Mercury dal 1971 al 1975. Le vendite cessarono per via dell'aumento del prezzo della benzina e l'inasprimento delle normative sulle emissioni.

L'esemplare del video risale al 1972 e presenta l'anteriore con bumper in metallo, un dettaglio che poi cambiò dal momento che sugli esemplari successivi si utilizzò la gomma. Se volete conoscere meglio la storia della De Tomaso vi suggeriamo di leggere il nostro articolo sull'epopea delle GT italiane col cuore in America

Nel frattempo, Hagerty intende continuare a seguire il restauro di questa Pantera, perciò continuate a seguirci per saperne di più.

Fotogallery: De Tomaso, la storia, le foto