Più bassa e slanciata della X1, ha però più spazio di quanto ci si aspetti per cose e persone

L’auto giusta al momento giusto: la BMW X2 si inserisce nel segmento dei SUV sportivi di dimensioni compatte, proprio quando la Range Rover Evoque comincia ad accusare il peso degli anni, mentre l’Audi Q2, più giovane, in realtà è qualche cm più piccola fuori e dentro. Insomma, se con X3, X4 e X6 BMW si è inventata un genere che poi molti hanno copiato, in questo caso arriva tra le ultime, ma con un tempismo perfetto. In che senso? Sotto trovate qualche risposta, ma tutti i dettagli li potete trovare nel video di questo #Perchécomprarla.

Pregi e difetti

Lo stile è questione di gusti personali, non c’è dubbio però che se l’intento dei designer BMW era quello di realizzare qualcosa di più sportivo della X1, ci sono riusciti alla grande: più bassa e con i montanti anteriori più inclinati, la X2 fai quasi fatica a definirla un SUV, se non fosse per la distanza più alta (ma nemmeno troppo) della carrozzeria dall’asfalto. Il bello è che tutto questo dinamismo delle linee non si ripercuote più di tanto sulle dimensioni interne, quelle per i passeggeri e quelle per i bagagli; il vano di carico ha una capacità di 470/1.350 litri e, sui sedili posteriori, si viaggia comodi in due adulti (alti anche un po’ di più di 180 cm) più un ragazzino. Punti di forza della tedesca sono anche la guidabilità, in virtù della piacevole chiusura del posteriore (grazie alla trazione integrale xDrive) in uscita di curva e dello sterzo rapido al punto giusto, uniti alla brillantezza di risposta del 2.0 turbodiesel da 190 CV. Ecco, a voler essere pignoli, il motore non è il 4 cilindri più fluido in assoluto, anche se non si può certo definire ruvido. Lascia più perplessi, piuttosto, il fatto che non ci siano prese USB per chi siede dietro.

Quanto costa

Tanto, anche più della X1 da cui deriva. Il motivo di questo sovrapprezzo si chiama posizionamento. Tradotto, significa che chi vuole un SUV e lo vuole sportivo, è propenso a spendere di più, a parità di contenuti tecnici. E le aziende non se lo fanno ripetere due volte. Nel dettaglio, il prezzo di attacco è di 33.500 euro e si riferisce alla sDrive18i a trazione anteriore, con motore 3 cilindri 1.5 turbo benzina da 140 CV. Un consiglio: non lasciatevi frenare dai 3 cilindri, perché questo motore è brillante quanto serve e nemmeno troppo assetato di benzina, per chi la X2 la usa soprattutto in città. Parte da 34.850 la sDrive18d, turbodiesel 2.0 da 150 CV a trazione anteriore e da 44.100 la xDrive20d da 190 CV 4x4. Volete sapere quanto costa l’X2 di questo perchécomprarla? Con gli accessori montati, tra cui tetto panoramico apribile e impianto harman kardon, siamo oltre quota 60.000 euro.

Gallery: BMW X2