Range Rover Evoque 2.2 SD4 Pure 5 porte

"Signore, sa che la sua è proprio una bella macchina? E' l'ultimo modello, vero?". Il ragazzino con gli occhiali e l'aria da saputello che nel bel mezzo della Val d'Orcia si complimenta mentre facciamo rifornimento esprime perfettamente la caratteristica vincente della Range Rover Evoque: la sua linea piacevole che, fatto assai raro in campo automobilistico, pare entusiasmi un po' tutti. Ma cosa c'è al di là dell'insindacabile giudizio della voce dell'innocenza? Nell'allestimento da noi provato, la Range Rover Evoque 2.2 SD4 Pure 5 porte, una grande viaggiatrice in grado di proseguire il cammino con lo stesso comfort anche oltre l'asfalto, una caratteristica irrinunciabile per il marchio inglese che pure proporrà più avanti una variante 2WD.

COM'E' FUORI

A livello di design, la Evoque, sia nella versione 5 porte che coupé, a pochi mesi dal lancio ha battuto ogni record quanto a premi ricevuti: ben . E' lei, meritatamente, la World Car Design of the Year 22. Se lo aspettavano un po' tutti, perché è da quando la Casa britannica presentò il concept LRX che sul team che si occupa del design guidato da Gery McGovern piovono complimenti. Difficile trovare oggi un'auto così moderna, audace, aggressiva e insieme equilibrata: dal paraurti anteriore al terminale di scarico non c'è una linea, una scalfatura, una lamiera che dia la sensazione di essere in disarmonia con il resto della carrozzeria che fonde insieme due tipologie di auto difficilmente conciliabili come SUV e coupé nella man...