Con la coda il look ne guadagna, senza perdere troppa praticità. E sempre con tanta tecnologia di bordo

La Mercedes Classe A è un'auto che, lo dimostra la sua storia, non ha paura di cambiare. Dopo essere nata monovolume, infatti, è diventata una "normale" 5 porte, una carrozzeria che in inglese viene definita hatchback. E ora che ha la coda, è classificabile anche come una berlina detta a 3 volumi e 4 porte e di nome fa Mercedes Classe A Sedan, che appunto è come vengono definite queste auto negli USA o nel Regno Unito, dove si usa pure il termine saloon.

Questa prova del #PerchéComprarla mette quindi in risalto le differenze fra questa e la Classe A "normale". E anche la Mercedes CLA, altra variante a 4 porte ma questa volta coupé. Una guida all'acquisto completa, insomma, per conoscere meglio questa famiglia "allargata" di Mercedes e per  confrontare la Classe A Sedan anche con berline come l'Alfa Romeo Giulia o la BMW Serie 3.

Pregi e difetti

Non è per niente scontato "aggiungere un pezzo" ad un'auto già esistente, ma l'operazione sul lato B della Mercedes Classe A è riuscita bene. La nuova coda non è troppo corta, né troppo spiovente, si innesta quindi con armonia sia con il proseguimento delle linee della fiancata che con le forme dei passaruota. 

Mercedes Classe A Berlina

Parliamo, in ogni caso, di un'auto che supera i 4 metri e 55 di lunghezza e cioè di dimensioni che fanno appartenere la A Sedan ancora alla categoria di mercato delle cosiddette "compatte", ma i centimetri in più vanno comunque tenuti in conto se si vive in città dove il parcheggio è un problema.

Mercedes Classe A Berlina

Una delle cose migliorabili (le altre le trovate nel video) è sicuramente la leggibilità di una parte dello schermo centrale, perché è nascosta dal volante. Poco intuitivi sono anche i comandi per cambiare stazione radio, o traccia audio: il tasto a sfioramento sul volante è dedicato anche ad altre funzioni, mentre quello sulla console centrale in mezzo ai sedili, sul touchpad, non è immediato da trovare durante la guida.

Mercedes Classe A Berlina

La Classe A Sedan è molto piacevole da guidare, come del resto la sorella a 5 porte da cui deriva. In particolare ha una fluidità di marcia sopra la media, una scorrevolezza nell'affrontare la strada rilassante ma al tempo stesso che invoglia a tenere alto il ritmo. Fidandosi, nel caso specifico dell'allestimento in prova, dell'appoggio delle gomme da 19 pollici, che per contro però fanno alzare un po' i consumi. Non a livelli preoccupanti, comunque, perché l'efficienza resta sempre un punto di forza del 1.5 turbodiesel di questa prova.

Mercedes Classe A Berlina

Quanto costa

Con il motore protagonista di questo #PerchéComprarla i prezzi oscillano fra i 31.000 e i 36.000 euro di partenza, in base agli allestimenti, scendendo ad un listino di partenza di 29.000 euro per il motore 1.3 turbo benzina da 136 CV. Sempre lo stesso motore, ma in versione più potente (163 CV) e in un allestimento intermedio con cambio automatico, costa invece almeno 36.000 euro.

Mercedes Classe A Berlina

Si superano poi i 40.000 euro scegliendo il motore a benzina 2.0 turbo con 190 CV, che può avere anche la trazione integrale, per un prezzo che nella versione chiamata 250 da 224 CV richiede un esborso di altri 3.000 euro a parità di allestimento. Per ora la motorizzazione più potente è la A 35 AMG, un 2.0 turbo benzina da 306 CV e trazione integrale. Da 48.000 euro in su.

Fotogallery: Mercedes Classe A Berlina