(Poche) novità di stile, (tanta) tecnologia in più per il restyling della Seat Arona, provato col 1.5 turbo benzina da 150 CV e cambio DSG

Il restyling della Seat Arona punta tanto (quasi tutto) sulla tecnologia. E non è certo un caso. Quanto conta oggi la tecnologia? Inutile starci a pensare: tanto. Tutto è tecnologia, da quando ci svegliamo grazie alla sveglia puntata sul nostro tecnologico smartphone e quando ci addormentiamo, col tecnologico smartwatch pronto a monitorare il nostro sonno.

Immersi in un mondo che deve fare i conti con l'aspetto hi-tech, è quasi naturale che proprio su questo aspetto si basi il restyling di un'auto.

E così la Seat Arona 2021 cambia di poco nei tratti somatici, per nulla nella meccanica ma è quasi "stravolta" se si parla di tecnologia. E per un brand che può vantare un pubblico giovane (tra i più giovani d'Europa) come la Casa spagnola, si tratta di un passo importante per restare al passo (o superare) con la concorrenza e continuare un successo che - nel caso della Arona - ha portato a vendere quasi 400.000 unità in meno di 4 anni.

Esterni | Interni | Guida | Prezzi

Seat Arona, esterni

Uno dei difetti della prima versione di Seat Arona erano i fruscii aerodinamici, ben presenti anche al di sotto delle velocità autostradali. Soluzione: creare nuove strade per l'aria, facendole percorrere invisibili cammini che non creino turbolenze.

Ecco allora che le luci fendinebbia si spostano subuto sotto i proiettori principali (LED di serie) e al loro posto compaiono 2 prese d'aria verticali. L'aria passa da lì correndo poi lungo la fiancata, senza creare vortici che facciano sentire il loro soffio in abitacolo. Missione compiuta? Ci arriveremo dopo.

Seat Arona restyling 2021

Quello dello spostamento dei fendinebbia è l'unico evento degno di nota per quanto riguarda le novità all'anteriore della Seat Arona restyling, se non si considera l'arrivo dell'allestimento Xperience al posto del precedente Xcellence. Qui ci sono dettagli estetici dedicati come skidplate e splitter anteriori in grigio, tetto bianco a contrasto, gusci degli specchietti anche e skidplate posteriore con stesso trattamento di quello anteriore.

C'è poi la scritta Arona, ora in corsivo come su altri modelli della Casa spagnola. Un puro tratto stilistico accompagnato dal logo con la "S" in grigio opaco e il profilo cromato. A completare le novità ci pensano 10 differenti tinte per la carrozzeria, 3 per il tetto a contrasto e nuovi cerchi in lega da 17 o 18".

Seat Arona restyling 2021

Seat Arona, interni

E venne il turno della tecnologia: la plancia è la protagonista dei cambiamenti della Seat Arona restyling, col monitor dell'infotainment che dall'essere incastonato al centro - e in posizione ribassata - si alza e si ingrandisce passando da 8 a 9,2" di diagonale massima. Una maturità tech non solo hardware ma software, con grafica rinnovata e in linea con quella delle sorelle maggiori, connettività e le numerose nuove funzionalità che ne derivano.

Una su tutte è l'attivarsi del sistema alla parola d'ordine "Hola Hola", che sveglia l'assistente vocale alla quale possiamo chiedere di agire su mappe del navigatore, radio, lettore multimediale ed eventuale smartphone collegato.

Seat Arona restyling 2021

Smartphone che, sia Android sia Apple, possono effettuare mirroring senza fili, così da utilizzare Android Auto o Apple CarPlay senza dover per forza collegare fisicamente il telefono all'auto.

Al fianco del monitor centrale rimane la strumentazione 100% digitale (optional) con grafica chiara e tante schermate, da quella che mostra a tutto schermo le mappe del navigatore (qualcuno però mi dica perché non è possibile visualizzare quelle di Google, Waze o Apple) alle informazioni sul funzionamento dei numerosi e nuovi sistemi di assistenza alla guida.

Rimane però una pecca: la mancanza delle maniglie sul cielo del tetto, comode in alcune occasioni e inspiegabilmente assenti anche sul restyling.

Seat Arona, guida

Sotto le linee leggermente rinnovate della Arona restyling rimane la piattaforma MQB A0, quella riservata alle piccole del Gruppo Volkswagen. Una meccanica lasciata inalterata che però ora fa a meno dei diesel, ormai in caduta libera nelle immatricolazioni e oggetto di demonizzazioni da parte di amministrazioni locali e nazionali.

Niente più 1.6 TDI dunque, ma il 1.0 3 cilindri (benzina o metano, non è previsto alcun grado di elettrificazione, come su tutti i modelli basati sulla MQB A0) in differenti step di potenza o il 1.5 4 cilindri turbo benzina da 150 CV, inaspettato protagonista della mia prova.

Seat Arona restyling 2021

Inaspettato perché di certo rappresenterà una percentuale minima - e forse anche trascurabile - nelle vendite in Italia, ma ideale per scoprire a fondo ciò che la Arona ha da offrire. Se i 1.0 infatti sono perfetti compagni nel traffico cittadino e in trasferimenti autostradali, tiro e pastosità di un 4 cilindri rimangono lontani dalle capacità "atletiche" del 3 cilindri.

Un motore di certo non esagerato, ma con ben più schiena rispetto ai frazionamento inferiore e un conseguente brio ben trasmesso all'asse anteriore dal cambio DSG 7 rapporti, unica scelta per il 1.5. Rapporti ben distanziati tra loro, a entrare uno dopo l'altro senza indecisioni ma che - se si opta per la modalità di guida Sport - lasciano salire maggiormente i giri facendo entrare in abitacolo la voce del motore. E già che parliamo di rumori: i fruscii aerodinamici sono migliorati.

Rimangono invece sempre gli stessi sterzo e assetto, ed è un bene. Il primo è tra i migliori della categoria, sempre preciso e pronto, il secondo invece coniuga molto bene morbidezza a solidità, mantenendo contenuto il rollio. Un lavoro di telaio e non solo di sospensioni, a digerire come poche altre concorrenti i dossi artificiali mantenendosi però ferma in curva.

Le risposte secche ci sono, specialmente se si opta per i cerchi da 18", unicamente quando si incontrano ostacoli più duri come buche - anche poco profonde - con scossoni che si avvertono ma non fanno sobbalzare.

Seat Arona restyling 2021

Seat Arona, prezzi

Si parte da 16.000 euro tondi tondi per la entry level, con una dotazione di serie già abbastanza ricca e che conta su monitor touch da 8,25", luci led, Seat connect, lane assist e sistema di rilevamento stanchezza.

Sulla Style si aggiungono cruise control, sensori di parcheggio posteriori, volante e leva del cambio in pelle e Seat full link wireless. Infine le Seat Arona Xperience ed FR rappresentano il top di gamma, la prima con aspetto più massiccio, la seconda con particolari più sportivi, entrambe con cerchi in lega da 17”, tetto e specchietti a contrasto, clima bizona, sistema keyless e sensore pioggia.

Il monitor da 9,2” richiede 1.000 euro, il caricatore wireless 200 mentre cruise control adattivo e altri sistemi di assistenza alla guida fanno parte di differenti pacchetti, con prezzo a partire da 250 euro.

Fotogallery: Seat Arona restyling 2021

Seat Arona

Lunghezza 4,15 metri
Altezza 1,55 metri
Larghezza 1,78 metri
Peso 1.268 kg
Capacità di carico 400 litri
Motore 1.5 turbo benzina 4 cilindri
Potenza 150 CV
Coppia Massima 250 Nm
Trasmissione DSG automatica doppia frizione 7 rapporti
Trazione Anteriore
Velocità Massima 210 km/h
Accelerazione 0-100 km/h 8,2"
Prezzo base 26.000