Quando si parla di MPV di lusso il primo modello a venire in mente è sempre la Mercedes Classe V. Evoluto e ammodernato generazione dopo generazione, lo shuttle della Stella ha ora raggiunto la completa maturità, rappresentando la scelta ideale per tutti quei professionisti alla ricerca di un mezzo di trasporto dal carattere esclusivo. Con l'ultimo restyling, poi, il design è stato aggiornato, allineandosi al più recente linguaggio stilistico del brand tedesco.

L'ho messa alla prova in abbinamento al propulsore Diesel più potente e nella variante completamente elettrica che prende il nome di EQV. Ecco come vanno su strada.

Esterni | Interni | Guida | Curiosità | Prezzi

Mercedes Classe V: esterni

La nuova Mercedes Classe V è disponibile in tre varianti di carrozzeria: Compact (non per EQV) lunga 4,89 metri, Long lunga 5,14 metri ed ExtraLong da 5,37 metri. A cambiare rispetto alla serie uscente sono i dettagli, specialmente quelli che si concentrano nella parte anteriore. Qui è tutta nuova la calandra che ora cresce nelle dimensioni, sviluppandosi in altezza e arrivando fino alla parte bassa del paraurti. Lo stile cambia in base alla versione scelta: quella dell'elettrica è completamente carenata, mentre quella del Diesel è dotata di listelli orizzontali.

Mercedes Classe V 2024

Nel posteriore della Mercedes Classe V sono cambiati i gruppi ottici.

Nuovo anche il disegno del paraurti, con inserti che richiamano le forme di due grandi prese d'aria, che donano all'insieme un tocco più sportivo. Più contenuti gli interventi nella parte posteriore, dove a cambiare è lo stile interno dei gruppi ottici a Led, mentre subito sotto il lunotto spunta un inserto in nero lucido sul quale spicca la presenza del lettering Mercedes-Benz.

Mercedes Classe V: interni

A fronte di dimensioni esterne tanto generose corrisponde uno spazio interno enorme per passeggeri e bagagli. La seduta molto alta e le ampie superfici vetrate, poi, aumentano ulteriormente la percezione di spazio a bordo. A proposito di spazio, il vano di carico ha una capacità da record. Si parte da 610 litri in configurazione a tre file di sedili e arriva fino a ben 5.010 litri per la variante ExtraLong con le due file di sedili posteriori rimosse. Da vera premium, inoltre, il livello di qualità percepito all'interno dell'abitacolo, che passa attraverso un'attenta scelta dei materiali e una cura certosina nei vari assemblaggi. 

Mercedes Classe V 2024 interni

La rinnovata plancia della Mercedes Classe V.

Ma la novità principale all'interno della Mercedes Classe V è rappresentato dal debutto di una nuova plancia, ora dotata di un cluster costituito da due schermi affiancati da oltre 12 pollici ciascuno, uno con funzione di quadro strumenti e uno di infotainment, quest'ultimo dotato dell'ultima evoluzione dell'assistente vocale MBUX. Interessante, infine, la possibilità di poter puntare su diverse configurazioni dell'ambiente interno, che può essere scelto a sei posti individuali, per il massimo del lusso e della comodità, oppure a otto posti per garantire una maggiore praticità.

Mercedes Classe V: guida

L'attuale gamma motori della Mercedes Classe V è costituita da un propulsore Diesel di 2 litri, disponibile nelle potenze di 163, 190 e 237 CV. Ed è proprio quest'ultima che ho scelto per la prima parte del mio test drive. Ciò che più mi ha stupito, contrariamente a quanto si potrebbe pensare quando si parla di MPV, sono le prestazioni. La variante più potente del 2 litri sviluppa 237 CV per 500 Nm, che attraverso un cambio automatico a nove rapporti manda potenza sulle sole ruote posteriori. Il risultato: uno scatto da 0 a 100 km/h in appena 7,4 secondi per 220 km/h di velocità massima. Su un veicolo che nasce sulla base di un furgone.

Mercedes Classe V 2024

La Mercedes Classe V durante il test nel sud della Francia

Profondamente diverso il comportamento dell'elettrica Mercedes EQV. Questa è disponibile con batteria da 60 kWh o da 90 kWh (quella che ho avuto modo di mettere alla prova) in entrambi i casi con una potenza di 150 kW. Nonostante la potenza "simile", qui la spinta è molto più lineare e progressiva e anche nella prima fase di richiesta di potenza non mette mai in luce quell'immediatezza tipica delle unità elettriche. L'autonomia arriva a circa 360 km per l'accumulatore più grande e scende a circa 250 per quello più piccolo.

Su entrambe ad avermi positivamente colpito è il comfort. La taratura dell'assetto favorisce l'assorbimento anche delle asperità più marcate, ma qui è l'elettrica ad eccellere grazie alla totale assenza di vibrazioni, mentre il Diesel si dimostra un po' troppo rumoroso soprattutto in accelerazione. Su entrambe lo sterzo risulta molto demoltiplicato ma in linea con la mission della vettura, mentre non mi ha convinto su nessuna delle due il feeling sul pedale del freno, molto spugnoso soprattutto nella prima parte della corsa. 

Mercedes EQV 2024

La vista frontale della Mercedes EQV

Mercedes Classe V: curiosità

Nonostante Classe V ed EQV nascano sulla medesima piattaforma, la variante elettrica viene proposta unicamente a trazione anteriore, mentre la Classe V nasce a trazione posteriore (optional integrale). Si tratta di una scelta curiosa, con conseguenti risvolti dal punto di vista dinamico. Nonostante una profondamente diversa distribuzione dei pesi, la Diesel risulta più precisa soprattutto nei curvoni a lunga percorrenza, così come nei cambi di direzione più repentini, dove l'elettrica cede il fianco ad un sottosterzo un po' più marcato.

Mercedes Classe V: prezzi

Il listino della Mercedes Classe V Diesel si apre da 64.790 euro per la 220 d Compact e arriva fino a 99.180 euro necessari per portarsi a casa la più potente 300 d ExtraLong in allestimento Exclusive. L'elettrica EQV, invece, parte da 95.480 euro per la 250 Long, mentre per la 300 ExtraLong costa 100.790 euro. Nel corso dell'anno, poi, la gamma si amplierà per la prima volta con l'ingresso a listino di un'inedita motorizzazione a benzina mild-hybrid da 231 CV, della quale però al momento non si conosce il prezzo.

Fotogallery: Mercedes Classe V 2024