Sono passati 35 anni da quando, nel 1989, è stata presentata la prima Mazda MX-5, conosciuta anche con la sigla NA e con il nome di Miata (coniato negli USA e usato soprattutto dagli americani).

Poi si è passati al modello NB nel 1998 e alla NC nel 2005, fino ad arrivare alla quarta generazione, la ND, presentata per la prima volta nel 2014 e che ora viene aggiornata con la MX-5 2024. Quest’anno quindi si festeggiano anche i 10 anni dell'ultima generazione della Miata, che per l'occasione riceve qualche modifica.

Vi racconto allora com’è cambiata e - ovviamente -  come va, visto che la Miata è una macchina che regala sensazioni di guida ormai molto rare.

Clicca per saperne di più:

Esterni | Interni | Guida | Prezzi

Mazda MX-5 2024: Esterni

La Mazda MX-5 2024 è anche identificata dal "nome in codice" MX-5 ND3, perché rappresenta il terzo aggiornamento della quarta generazione del modello. E cioè della MX-5 ND, che aveva sostituito la MX-5 NC con 100 kg in meno di peso e 10 cm in meno di lunghezza, andando così controcorrente rispetto alla tendenza ad ingrandirsi delle auto moderne con l’arrivo di ogni nuovo modello.

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Come dimensioni parliamo di 3,92 metri di lunghezza (ormai sotto i 4 metri si trovano a listino solo auto come le Fiat Panda e Fiat 500, o la Toyota Aygo X per esempio); di 1,23 metri di altezza (circa 20 cm in meno di normali berline o anche oltre, se si pensa ai crossover e ai suv); di 1,74 metri di larghezza (ovvero fino a 10 cm in meno anche di auto sportive compatte) e di 2,31 metri di passo.

Il peso della Mazda MX-5 parte da 1.003 kg con il motore 1.5 e da 1.040 kg con il motore 2.0.

La Miata 2024 si riconosce davanti per i nuovi fari anteriori a LED adattivi con integrate anche le luci diurne, che sul modello precedente invece formavano dei "baffi" nella parte inferiore del paraurti.

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Nella vista laterale la MX-5 2024 introduce cerchi in lega di nuovo disegno, da 16" o 17" a seconda delle versioni. Ed è stata rivista l'offerta di colori per la carrozzeria: si può scegliere tra un bianco pastello, tre colori metallizzati (blu, sabbia, nero), un grigio e un rosso "intensi" (Machine Grey e Soul Red) e una nuova tinta chiamata Aero Grey Metallic che sostituisce il Platinum Quartz. In più, si può avere anche una nuova capote di colore beige (sull'allestimento speciale chiamato Kazari).

In coda, la Mazda MX-5 2024 ha nuovi gruppi ottici con luci full LED anche per gli indicatori di direzione e la retromarcia, mantenendo la forma molto riconoscibile dell'involucro esterno con la lente concava nella parte circolare.

La MX-5 2024 continua ad essere disponibile nella versione con capote in tela oppure con la carrozzeria RF introdotta nel 2016, caratterizzata dal tetto metallico ripiegabile elettricamente in tre parti in un tempo di 13 secondi, anche con l'auto in movimento fino a 10 km/h.

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024: Interni 

Il bagagliaio della Mazda MX-5 2024 non è cambiato e parte da una capacità di 130 litri nella versione con la capote e da 127 litri nella variante di carrozzeria RF (per avere un riferimento potete pensare che una Fiat 500 ha un vano di carico di 185 litri).  

All'interno dell'abitacolo le modifiche riguardano in particolare il display centrale da 8.8", più grande rispetto al passato, con connessione wireless per Android Auto e Apple Car Play e con possibilità di azionamento anche tramite touchscreen. E ci sono due prese USB-C sul tunnel centrale.

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

A partire dall’allestimento intermedio Exclusive-Line è stato risagomato il retrovisore centrale, con lo specchietto che ora è senza cornice e ha la forma di un trapezio invertito, per ridurre i riflessi indesiderati. La consolle centrale è rivestita in pelle sintetica, mentre sulla parte del sedile che supporta la schiena e il bacino c'è un materiale chiamato "Leganu", con un aspetto simile a quello della pelle scamosciata per ridurre lo scivolamento del corpo in curva.

Il quadro strumenti dietro al volante è stato rinnovato con una lancetta di nuova forma e con caratteri grafici resi più chiari e leggibili usando una lacca giapponese con pigmentazione nera più intensa.

Mazda MX-5 2024: Guida 

Quali sono gli ingredienti che rendono la MX-5 coinvolgente da guidare, che l’hanno resa famosa quando si parla di sensazioni trasmesse al pilota?

Parto dalle dimensioni contenute, perché al di là della lunghezza inferiore ai 4 metri c'è da considerare anche che la Miata è "stretta", anche rispetto a sportive come le hot hatch. E questo dà maggiore libertà nell'impostazione delle traiettorie anche nelle strade più tortuose, per tenere un ritmo divertente dove altre auto invece rallenterebbero. 

Un discorso simile vale per il peso, perché oltre ad apprezzare la leggerezza dei circa 1.000 kg complessivi è il bilanciamento 50% - 50% tra avantreno e retrotreno a dare la possibilità di esplorare tutte le potenzialità di una macchina a trazione posteriore come la MX-5, che con l'aggiornamento 2024 si apprezza ancora di più: è stato introdotto infatti un controllo elettronico di trazione e stabilità più sportivo, abbinato anche a un nuovo differenziale autobloccante. 

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Il sistema si chiama DSC-Track, che come dice il nome ottimizza la guida in pista per chi si avvicina per le prime volte alla guida in circuito nei track day. Questa mappatura più sportiva dei controlli elettronici gestisce le perdite di aderenza del posteriore senza essere troppo conservativa. E rende più gustosa anche la guida dinamica su strada controllando il sovrasterzo in accelerazione, oppure anche quando decelerate o frenate, situazione in cui il peso si sposta sull'avantreno alleggerendo il posteriore, che così può "allargare" fino a che non interviene il sistema.

Questo dispositivo lavora integrandosi con un’altra novità della MX-5 2024, presente sulla motorizzazione 2.0 da 184 CV: un nuovo differenziale a slittamento limitato asimmetrico
(Asymmetric LSD), che - come sulla ND precedente - continua a non essere di tipo torsen e riceve tarature diverse in tiro e rilascio del sistema di bloccaggio meccanico con pacco multi-frizione e camme. 

Il tutto con un assetto che sottolinea la filosofia della MX-5, che trasmette al pilota il comportamento dell'auto nella guida dinamica facendo percepire come si muovono i pesi nell'impostazione delle traiettorie, con una taratura non troppo rigida della sospensioni e con un rollio che diventa più accentuato quando si forza di più il ritmo.

Anche perché, tralasciando l'equilibrio tra prestazioni e comfort cercato dai progettisti, la Miata è un'auto che soprattutto in mercati come il Giappone e gli USA è apprezzata come base di partenza per miglioramenti e personalizzazioni, per soddisfare i gusti dei clienti.

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Il motore 4 cilindri 1.5 aspirato ha 132 CV a 7.000 giri/min (con limitatore a 7.500 giri/min),  152 Nm di coppia a 4.500 giri/min e una calibrazione affinata per poter offrire 4 CV in più se si usa benzina a 100 ottani. Nella versione con la capote ci vogliono 8,3 s nello 0-100 km/h e 8.6 s nella versione RF, per una velocità massima di 204 km/h.

In questa prova ho guidato il 4 cilindri 2.0 aspirato da 184 CV a 7.000 giri/min (con limitatore a 7.500 giri/min), 205 Nm di coppia a 4.000 giri/min, per uno 0-100 km/h in 6.5 s (o 6.8 s con carrozzeria RF) e velocità massima di 219 km/h (220 km/h la RF). E che ha anche una nuova mappatura per essere più reattivo.

Non sono state fatte invece modifiche sostanziali alle sospensioni (con schema a quadrilateri anteriori e multilink posteriori) mentre sullo sterzo, che ha un rapporto di 14.5:1 per 2,7 giri da un fine corsa all'altro, si è intervenuti per ridurre gli attriti dei meccanismi interni e sulla servoassistenza elettrica, per trasmettere una risposta più naturale e "pulita".

Tra l’altro il volante non abbandona la scelta di avere una corona sottile e un diametro non troppo piccolo, il tutto con ruote dal grip non esagerato: 195/50 R16 per il motore 1.5 e 205/45 R17 con il motore 2.0.

Ultimo, ma non per importanza, è il cambio manuale della MX-5, spettacolare per manovrabilità, consistenza degli innesti ed ergonomia nella triangolazione tra leva, pedali e volante, che si può regolare anche in profondità (senza, però, riuscire a rendere la posizione di guida adatta a tutti): la Miata resta una sportiva adatta a chi non è troppo alto, fino a 1,80 - 1,85 metri circa.

In ogni caso, il cambio della MX-5 invoglia a giocare con le doppiette in scalata, con i "punta-tacco" quando si frena, e quando si sale di marcia anche se non sarebbe necessario, giusto per provare una volta in più la soddisfazione che può dare un meccanismo tarato cosi bene. 

E per suono del motore? Lascio giudicare a voi guardando il video della prova su strada.

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 - Foto - Prova su strada

Mazda MX-5 2024: Prezzi

La gamma della Mazda MX-5 2024 si struttura in due motorizzazioni a benzina, il 1.5 da 132 CV e il 2.0 da 184 CV, disponibile fino a esaurimento scorte prima di uscire dal listino (probabilmente nel 2025) per i nuovi limiti di omologazione delle emissioni Euro 6E.

La MX-5 2024 si può avere con la capote in tela "manuale" o con il tetto rigido ripiegabile elettricamente e gli allestimenti sono: Prime-Line, Exclusive-Line, Homura, più una versione speciale chiamata Kazari.

La MX-5 Homura è anche quella più caratterizzata sportivamente con impianto frenante Brembo, sedili Recaro, calotte nere degli specchietti e - in abbinamento al motore 2.0 - si aggiungono anche ammortizzatori Bilstein, barra duomi e cerchi in lega forgiati BBS (con il motore 1.5 le ruote in lega sono fornite dalla RAYS). 

La MX-5 Kazari può avere la capote beige e i rivestimenti in pelle Nappa traforata color marrone chiaro, e sulla MX-5 RF il tetto metallico ripiegabile è bicolore e la tappezzeria è specifica per il modello.

Il listino prezzi della Mazda MX-5 2024 parte da 32.400 euro per la roadster e da 34.900 per la RF. 

Tra gli equipaggiamenti previsti nella dotazione di serie della MX-5 Prime Line ci sono le luci full LED adattive, il Lane Departure Warning System, o il Lane-keep Assist con cruise control adattivo.

La MX-5 in allestimento Exclusive (con prezzi di 35.350 euro per la roadster e da 37.850 per la RF) aggiunge rivestimento in pelle sintetica per la console centrale, assistente al parcheggio e monitoraggio degli angoli ciechi durante l’apertura delle portiere.

La Mazda MX-5 Homura (da 38.650 euro per la roadster, da 41.150 per la RF) aggiunge cerchi in lega forgiati da 16", impianto frenante Brembo con pinze rosse, sedili sportivi firmati Recaro e gusci degli specchietti retrovisori neri.

La versione Kazari può avere la tinta speciale di carrozzeria e interni in pelle Nappa beige.

Modello Prime-Line Exclusive-Line Homura Kazari
Mazda MX-5 soft top 1.5 32.400 euro 35.350 euro 38.650 euro 36.150 euro
Mazda MX-5 soft top 2.0 x 37.350 euro 41.250 euro 36.150 euro
Mazda MX-5 RF 1.5 34.900 euro 37.850 euro 41.150 euro 38.650 euro
Mazda MX-5 RF 2.0 x 39.850 euro 43.750 euro 40.650 euro
Mazda MX-5 RF 2.0 aut. x x x 42.650

Fotogallery: Mazda MX-5 2024 - Prova su strada

Mazda MX-5 2024 2.0 184 CV

Lunghezza 392 cm
Altezza 123 cm
Larghezza 174 cm
Peso 1.040 kg
Volume di Carico 130 L
Motore 4 cilindri 2.0 benzina
Potenza 184 CV @ 7.000 rpm
Coppia Massima 205 Nm @ 4.000 rpm
Trasmissione cambio manuale 6 marce
Trazione trazione posteriore - differenziale LSD
Accelerazione 0-100 km/h 6.5 s
Velocità Massima 219 km/h