I segreti per "cucirsi addosso" Google Maps, giocando con le sue numerose opzioni di personalizzazione

Google Maps, pur essendo l’app/servizio di navigazione più noto e usato dagli automobilisti (e non solo), nasconde varie opzioni di personalizzazione che non tutti conoscono.

Ce ne sono di utili e di superflue, sia recenti, che di vecchia data; tutte hanno l'obiettivo di rendere più gradevole ed efficace la funzione di navigazione via smartphone. Ecco tutto.

Personalizzazione del percorso

Chiunque abbia un po’ di dimestichezza con Google Maps le conosce già: le cosiddette “Opzioni percorso”. Permettono di evitare che il navigatore calcoli un percorso comprensivo di strade a pedaggio, tratti autostradali o traghetti, e sono accessibili dal menù “Impostazioni navigatore”, o dal pulsante a tre puntini dell’anteprima del percorso.

Dalle medesime sedi è possibile inoltre impostare l’orario di partenza o d'arrivo, una chicca particolarmente utile con cui programmare e gestire al meglio gli spostamenti, servendosi delle previsioni di Maps su traffico e tempi di percorrenza relativi a un orario/giorno specifico.

Immagine 1 personalizzazione Google Maps

Le opzioni audio di Maps

Sempre dalla sezione “Impostazioni navigatore” dell’app, Google Maps permette all’utente di gestire la voce delle indicazioni stradali toccando su “Seleziona voce”, ma non solo. È possibile infatti spuntare varie opzioni relative alla riproduzione della voce e i segnali audio per personalizzare l’esperienza d’uso dell’app.

Fra gli extra vale la pena sottolineare la funzione con cui mostrare all'interno dell'interfaccia i controlli per i contenuti multimediali dell’app preferita (Spotify ad esempio), e gestire il rilevamento dell'assistente vocale tramite “Ok Google” con l’opzione relativa presente nel medesimo menù “Suono e voce” delle impostazioni.

Immagine 2 personalizzazione Google Maps

Cambiare l’icona di navigazione e altri extra

Capitolo funzioni “accessorie”, una delle ultime novità introdotte su Google Maps per Android, ma già presente da un po' sull’app per iPhone e iPad, è la scelta dell’icona con un veicolo al posto della classica freccia blu. A navigazione avviata, basta toccare quest’ultima icona e sceglierne uno fra quelli proposti nella barra in basso.

Dal menù “Impostazioni navigatore” Google Maps, presenta inoltre delle ulteriori opzioni aggiunte negli ultimi mesi, come i limiti di velocità o il tachimetro, opzioni che, assieme ai colori dell’interfaccia di navigazione (automatica, giorno e notte), e a tutto quanto scritto finora, donano all’utente parecchie alternative per cucirsi addosso l’app, sia esteticamente che funzionalmente.

Immagine 3 personalizzazione Google Maps